hit
counter
Logo MyMarketingNet Small

I 10 must have per trovare lavoro online

I 10 must have per trovare lavoro online

Nella stesura di un CV coerente con il proprio posizionamento ed efficace nella comunicazione ci si avvale sempre di più di attività di storytelling, che aiutano a raccontare al meglio la propria storia professionale. Ma uno degli aspetti da cui ormai non si può più prescindere nel lavoro è l’evoluzione della rete e poiché Google è uno degli strumenti indispensabili al professionista per collocarsi sul mercato, il primo elemento che deve adeguarsi a questi continui cambiamenti è proprio il curriculum vitae. “La classica impostazione rigida e squadrata del CV tradizionale è ormai completamente sostituita online con il cosiddetto Social Media Resume o Social Media Bio” afferma Gianluca Lo Stimolo, CEO e Founder di Stand Out. “Si tratta di un nuovo modo di presentarsi e di presentare il proprio ritratto professionale che, partendo dal CV tradizionale, attinge ai contributi presenti sul web e ai social network, dove le persone raccontano momenti della propria storia professionale o danno prova del proprio talento. Attraverso questa formula è possibile mostrare le proprie capacità in una sola pagina web che può essere facilmente condivisa, ricercata e linkata da altre persone. Indubbiamente il primo strumento di presentazione di ogni professionista è il Curriculum Vitae e nel processo di costruzione di un brand personale, affinché competenze ed esperienze siano raccontate nel modo giusto, facendo emergere i tratti distintivi della propria carriera, si parte proprio dalla redazione o dal restyling del curriculum vitae”.

 

Cosa deve contenere quindi una Social Media Bio per funzionare? Gianluca Lo stimolo elenca i dieci elementi più importanti da inserire all’interno del proprio CV online per presentarsi in maniera coerente e precisa con il proprio posizionamento, ovvero:
Biografia: oltre al riassunto delle esperienze di lavoro, è importante includere la biografia attraverso le frasi più significative del proprio percorso professionale.
Fotografie: associare un volto a chi scrive è sempre una cosa utile ed efficace per chi legge, quindi per facilitare questa associazione è importante inserire delle foto in primo piano.
Siti web: l’inserimento della lista di link dei siti gestiti in rete così come dei vari profili permette, a chi legge, di inquadrare con chiarezza e in modo trasparente le attività del professionista.
Eventi pubblici: esporre al lettore anche gli eventi, i workshop e i seminari a cui si è partecipato per presentare al pubblico il proprio lavoro.
Interviste ed interventi: riportare i link diretti collegati ai vari siti che riprendono l’uscita di notizie o interviste, indicare quindi un indice della rassegna stampa.
Pubblicazioni: per comunicare l’autorevolezza nel proprio lavoro è utile riportare la lista dei libri pubblicati, degli articoli e delle ricerche condotte.
Riconoscimenti: tutti i riconoscimenti pubblici, menzioni o premi che sono stati conferiti alla persona per la proprio attività professionale è un ottimo modo per fare accrescere la reputazione.
Materiali multimediali: inserire questo tipo di contenuti come integrazione alle altre informazioni, quindi dei video e delle fotografie anche se non ritraggono direttamente in prima persona il professionista, ma le sue attività o il luogo dove lavora, permette al lettore di calarsi e di avvicinarsi alla sua realtà professionale.
Tag: l’insieme delle parole chiave che definiscono al meglio il tuo brand personale.
Informazioni di contatto: infine, non possono mancare i riferimenti per potere entrare direttamente in contatto con il professionista.

 

“Nell’era di Internet è quindi chiaro che occorre dare una forma diversa al CV standard avvalendosi dei mezzi che la rete ci mette a disposizione. Il sito professionale, il profilo Facebook e LinkedIn, ad esempio, se usati con criterio, possono accrescere la propria attività lavorativa e professionale. Non bisogna mai perdere di vista il primo elemento di presentazione online, ovvero la pagina di presentazione, che in inglese prende il nome di About Me, del proprio sito di presentazione o dei profili dei social network. È il biglietto da visita dell’online”, conclude Lo Stimolo.

Pubblicato il 11 luglio 2017

Più Letti della Settimana

28/02/2017

Indovina chi entra al supermercato

Fare la spesa oggi, in Italia, può essere quasi un rituale o un autentico momento di gratificazion

17/11/2016

State of Internet - Security Q3 2016

Akamai rende noto il Rapporto sullo stato di Internet Q3 2016 - Security. Il

03/11/2016

Nielsen, The Rise of Italian Consumer Confidence

Si posiziona a quota 57 l’indice di fiducia Nielsen dei consumatori italiani, in

30/11/2016

Analytics, un mercato da 900 milioni di euro

Un mercato in crescita, un mercato in salute e pieno di prospettive. Si è analizzato gli analytics

07/11/2016

Italian Referendum Sentiment

Qual è l’orientamento dei cittadini che usano internet riguardo al referendum costituzionale che

08/11/2016

eCommerce, From Black Friday to Christmas

Manca poco al Black Friday, tradizione americana ormai sbarcata in Italia da diversi anni, glorific

08/11/2016

Email marketing & eCommerce: la guida per Natale

È alle porte il periodo dell’anno più intenso e potenzialmente più redditizio per chi si occup

07/11/2016

Sharing Economy, investire o essere investiti?

Novembre è il mese in cui Milano si interroga sul tema della sharing economy in occasione del conv

01/02/2017

Brand Finance Global 500: Google sorpassa Apple, bene Lego, male le banche americane

Era dal 2011 Apple dominava la classifica Brand Finance Global 500

MyMarketing.Net
é una testata giornalistica registrata al Tribunale di Milano n. 327 del 10/05/2004 - Un progetto by TVN srl (P.Iva: 05793330969)