hit
counter
Logo MyMarketingNet Small

Industria 4.0, il problema italiano sono i manager

Industria 4.0, il problema italiano sono i manager

La voglia di cambiare c’è, questo senza dubbio. Spesso, però, le idee sono confusi, la direzione non è chiara, ed è qui che nascono i veri problemi per la tecnologizzazione dell’industria, che fa fatica a diventare 4.0. Spesso la colpa è, quindi, dei manager: a rivelarlo è Staufen Italia, partner dell’Osservatorio Smart Manufacturing 2016/2017 del Politecnico di Milano, che ha condotto per la seconda volta un’importante ricerca sul tema dell’Industria 4.0 in Italia: dopo aver realizzato un primo esperimento nel 2015, agli albori della nascente discussione sul tema della fabbrica intelligente in Europa, con un survey rivolto a circa 200 aziende italiane, Staufen propone oggi i risultati della seconda indagine condotta tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017: sono 129 le aziende che hanno risposto a un questionario volto a inquadrare la situazione della nostra industria rispetto al tema della digitalizzazione e della smart factory. A che punto è realmente il nostro Paese? Che cosa è cambiato, e in che direzione, rispetto al 2015? Quali sono le prospettive per i prossimi anni?

 

“Sempre più aziende, in Italia come in Germania, interpretano l’Industria 4.0 come un semplice aggiornamento tecnologico dei propri capannoni industriali” commenta Giancarlo Oriani, Amministratore Delegato di Staufen Italia. “Come sottolineano i risultati del 2017, la chiave della vera trasformazione digitale sta, in realtà, nella testa dei dipendenti, inclusa la dirigenza”. Un’affermazione importante, che fotografa il quadro italiano con chiarezza: la maggior parte delle nostre aziende, seppur nel dettaglio dimostri un interesse crescente rispetto al 2015 e, di fatto, un tentativo di implementazione degli strumenti per la realizzazione della Smart Factory, è poco propensa a intraprendere il cambiamento culturale necessario per la trasformazione. Se da un lato è vero che il 39% delle aziende sta lavorando concretamente sul tema della digitalizzazione (si parla del doppio rispetto al 2015), è altrettanto vero però che il 23% non si è mai occupato di Industria 4.0. Proprio nell’impresa media manca spesso un approccio strategico sul tema della fabbrica intelligente: da un lato perché la spinta all’innovazione, alla ricerca di nuovi possibili modelli di business, risulta molto debole; e dall’altro perché si fatica a comprendere che per la trasformazione digitale è necessario, prima di tutto, un cambiamento culturale in azienda, una rivoluzione del paradigma interno che, attualmente, spaventa moltissimo i manager. I nostri dirigenti, in sostanza, sono poco propensi a un cambiamento che nasca dall’interno.

 

“C’è una forte mancanza di competenza manageriale” aggiunge Fabio Salomone, Direttore Generale di Staufen Italia. “La scarsa preparazione dei dirigenti e dei dipendenti rappresenta, per le aziende, un ostacolo reale all’introduzione del 4.0. Resiste una tendenza molto diffusa a giudicare all’esterno, senza mettersi in gioco dall’interno. Si è molto parlato negli ultimi due anni di Industria 4.0, anche solo perché era di moda: ma per mettere in pratica una vera trasformazione digitale non occorre soltanto migliorare le tecnologie o il prodotto: occorre piuttosto implementare una visione strategica, approfondire, prepararsi. E, soprattutto, comprendere che il Lean può essere il prerequisito per il raggiungimento della Smart Factory”. Insomma, la mancanza di competenza dei manager rischia di frenare lo sviluppo. Non è un caso che il 90% degli intervistati veda nel management un problema centrale rispetto al raggiungimento della trasformazione e che la stessa percentuale identifichi l’applicazione della Lean Enterprise come una base solida per attuare il cambiamento (in percentuale notevolmente maggiore rispetto al 2015).

 

Fonte immagine: htsm-nn.com

Pubblicato il 19 maggio 2017

Più Letti della Settimana

28/02/2017

Indovina chi entra al supermercato

Fare la spesa oggi, in Italia, può essere quasi un rituale o un autentico momento di gratificazion

17/11/2016

State of Internet - Security Q3 2016

Akamai rende noto il Rapporto sullo stato di Internet Q3 2016 - Security. Il

03/11/2016

Nielsen, The Rise of Italian Consumer Confidence

Si posiziona a quota 57 l’indice di fiducia Nielsen dei consumatori italiani, in

30/11/2016

Analytics, un mercato da 900 milioni di euro

Un mercato in crescita, un mercato in salute e pieno di prospettive. Si è analizzato gli analytics

07/11/2016

Italian Referendum Sentiment

Qual è l’orientamento dei cittadini che usano internet riguardo al referendum costituzionale che

08/11/2016

eCommerce, From Black Friday to Christmas

Manca poco al Black Friday, tradizione americana ormai sbarcata in Italia da diversi anni, glorific

08/11/2016

Email marketing & eCommerce: la guida per Natale

È alle porte il periodo dell’anno più intenso e potenzialmente più redditizio per chi si occup

07/11/2016

Sharing Economy, investire o essere investiti?

Novembre è il mese in cui Milano si interroga sul tema della sharing economy in occasione del conv

01/02/2017

Brand Finance Global 500: Google sorpassa Apple, bene Lego, male le banche americane

Era dal 2011 Apple dominava la classifica Brand Finance Global 500

MyMarketing.Net
é una testata giornalistica registrata al Tribunale di Milano n. 327 del 10/05/2004 - Un progetto by TVN srl (P.Iva: 05793330969)