hit
counter
Logo MyMarketingNet Small

Shopping, ovvero la felicità degli italiani

Shopping, ovvero la felicità degli italiani

Nonostante il potere terapeutico dello shopping venga riconosciuto probabilmente in tutto il mondo, sembra che gli italiani siano più propensi a fare shopping quando sono felici o hanno voglia di voglia di novità. Lo rivela un’indagine condotta da Zalando su un panel di 1.000 consumatori che analizza le abitudini degli italiani in fatto di acquisti. Il 54% degli intervistati, infatti, afferma di essere maggiormente spinto a fare shopping quando è di buon umore, mentre solo l’8% si dedica a questa attività con l’obiettivo di consolarsi quando è giù di morale. Il 35%, invece, dichiara di fare acquisti solo quando è necessario, senza badare all’umore, con una prevalenza di uomini (41%) rispetto alle donne (29%).

 

Resi e senso di colpa
Gli italiani non sono propensi a rendere i prodotti una volta acquistati: quasi 6 su 10 dichiarano di essersi sentiti a disagio o in colpa, almeno qualche volta, a dover restituire un prodotto. E addirittura, quasi 2 su 10 si sentono sempre a disagio o in colpa. Confrontando le fasce di età, sono i più giovani a mostrare maggiori resistenze mentre gli over 55 sono meno restii a rendere un prodotto. Quasi la metà degli italiani, inoltre, dichiara di aver tenuto qualcosa perché non aveva voglia o tempo di restituirlo.
“I dati raccolti confermano un’attitudine dei consumatori italiani nell’acquistare online solo quando sono veramente sicuri, e una generale avversione all’utilizzo delle opportunità di reso che non riscontriamo in altri Paesi europei”, afferma Giuseppe Tamola, Country Manager di Zalando per l’Italia. “È dunque per noi fondamentale continuare nell’educazione del consumatore verso i nuovi modelli di acquisto e utilizzare i diversi touch point, ad esempio l’assistenza telefonica, come elementi chiave per elevare l’esperienza del cliente, anche con consigli personalizzati”.

 

Shopping online, ma con la giusta ispirazione
A prescindere dall’umore e dal pensiero di dover rendere o meno un prodotto, durante l’esperienza di acquisto online gli italiani reputano importante la componente ispirazionale e relazionale: il 93% acquista non solo per sé ma anche per altre persone e il 76% chiede consigli e opinioni ad amici e parenti. Acquistare in rete, quindi, non è considerata un’attività da fare in solitudine, o almeno non prima di essersi confrontati con le persone care.  Per quanto riguarda invece i canali da cui trarre ispirazione, il favorito dal 48% degli intervistati è l’online – social network e siti web – seguito dalla TV, apprezzata da un terzo degli italiani. I prodotti suggeriti dai siti di shopping online sono, inoltre, fonte d’ispirazione per l’83% degli italiani, specialmente – dichiara il 34% – se affini a ciò che si sta acquistando.

Pubblicato il 27 luglio 2017

Più Letti della Settimana

28/02/2017

Indovina chi entra al supermercato

Fare la spesa oggi, in Italia, può essere quasi un rituale o un autentico momento di gratificazion

17/11/2016

State of Internet - Security Q3 2016

Akamai rende noto il Rapporto sullo stato di Internet Q3 2016 - Security. Il

03/11/2016

Nielsen, The Rise of Italian Consumer Confidence

Si posiziona a quota 57 l’indice di fiducia Nielsen dei consumatori italiani, in

30/11/2016

Analytics, un mercato da 900 milioni di euro

Un mercato in crescita, un mercato in salute e pieno di prospettive. Si è analizzato gli analytics

07/11/2016

Italian Referendum Sentiment

Qual è l’orientamento dei cittadini che usano internet riguardo al referendum costituzionale che

08/11/2016

eCommerce, From Black Friday to Christmas

Manca poco al Black Friday, tradizione americana ormai sbarcata in Italia da diversi anni, glorific

08/11/2016

Email marketing & eCommerce: la guida per Natale

È alle porte il periodo dell’anno più intenso e potenzialmente più redditizio per chi si occup

07/11/2016

Sharing Economy, investire o essere investiti?

Novembre è il mese in cui Milano si interroga sul tema della sharing economy in occasione del conv

01/02/2017

Brand Finance Global 500: Google sorpassa Apple, bene Lego, male le banche americane

Era dal 2011 Apple dominava la classifica Brand Finance Global 500

MyMarketing.Net
é una testata giornalistica registrata al Tribunale di Milano n. 327 del 10/05/2004 - Un progetto by TVN srl (P.Iva: 05793330969)