hit
counter
Logo MyMarketingNet Small

Un futuro da 2.950 miliardi di dollari

Un futuro da 2.950 miliardi di dollari

I prossimi 10 anni potrebbero rivelarsi un periodo d’oro per i retailer e i produttori di beni di largo consumo. Secondo una stima fatta da Accenture Strategy, le aziende del settore potrebbe generare nel prossimo decennio un valore pari a 2.950 miliardi di dollari, a beneficio del mercato e dei consumatori, accelerando la propria trasformazione digitale. Questo valore è stato calcolato basandosi su due fattori: da un lato, l’impatto delle tecnologie sul business (inteso come un maggior profitto generato sia dai nuovi modelli digitali, sia dall’evoluzione in chiave tecnologica di modelli tradizionali) e, dall’altro, il risparmio di costi e tempi uniti all’aumento della produttività di cui possono beneficiare i consumatori attraverso il digitale. Gli investimenti in nuovi modelli di business digitali consentiranno ai consumatori di scegliere tra diverse modalità di acquisto e alle aziende di offrire esperienze a valore e personalizzate.

 

Il report ‘Painting the Digital Future of Retail and Consumer Goods Companies’ elaborato da Accenture, è una fotografia del futuro digitale di retailer e aziende produttrici di beni di largo consumo, basato su analisi realizzate per il World Economic Forum. Lo studio ha quantificato l’impatto della trasformazione digitale su queste aziende nel prossimo decennio, ha messo in luce la richiesta di nuove esperienze di acquisto da parte dei consumatori, individuato i modelli di business più profittevoli e indicato come le organizzazioni e i decisori pubblici possono prepararsi al cambiamento. “Il prossimo decennio sarà ricco di opportunità per i consumatori: l’innovazione tecnologica darà vita a esperienze di acquisto variegate, che soddisferanno le esigenze di semplicità, convenienza e coinvolgimento dei consumatori”, ha dichiarato Angelo D’Imporzano, Senior Managing Director Accenture Products. “In relazione ai 2.950 miliardi di dollari stimati dal report, i consumatori potranno beneficiare dei maggiori vantaggi, ottenendo un risparmio in termini di tempo e costi del valore di oltre 2.000 miliardi di dollari. La capacità di retailer e aziende di beni di largo consumo di generare valore dipenderà da quanto riusciranno ad approfondire la conoscenza dei consumatori, integrare tecnologie dirompenti e adottare modelli di business innovativi”.

 

I consumatori chiedono nuove esperienze di acquisto
Oggi, il 39% dei consumatori italiani sarebbe disposto a concedere alle aziende l’accesso ai propri dati personali tramite dispositivi intelligenti in cambio di un’esperienza migliore o di un vantaggio economico. Un altro 37% si abbonerebbe a un servizio di ricerca continuativa che individui beni e servizi al miglior prezzo, consigliando attivamente a che brand rivolgersi e quando. Il 28% dei consumatori italiani utilizzerebbe servizi digitali basati su sensori in grado di rispondere alle loro richieste. Il 25% sarebbe disposto a sottoscrivere un abbonamento con un brand capace di selezionare i prodotti più adatti alla singola persona ed effettuare gli ordini in automatico. “Nei prossimi 10 anni, i settori retail e dei beni di largo consumo cambieranno più profondamente di quanto non sia avvenuto negli ultimi 40 anni”, ha dichiarato Angelo D’Imporzano, Senior Managing Director Accenture Products. “Per rispondere alle aspettative dei consumatori su possibilità di scelta, convenienza ed esperienza d’acquisto, il settore sarà sempre più sollecitato ad innovare, il che porterà a un’enorme crescita del commercio digitale”.

 

Trasformazione del settore
Per approcciare con successo la prossima frontiera del commercio digitale, retailer e produttori di beni di largo consumo devono guardare ad alcuni modelli di business particolarmente innovativi e già di fatto apprezzati dai consumatori italiani:
1. Sharing economy (il mercato del noleggio di prossima generazione) – Convenienza ed esperienza anziché proprietà, ad un prezzo molto inferiore. Il 54% dei consumatori italiani ha dichiarato che sarebbe disposto a sottoscrivere un abbonamento per il noleggio di capi di abbigliamento da utilizzare in determinate occasioni e da restituire in seguito, al posto di effettuarne l’acquisto.
2. Economia basata sulla personalizzazione (abbonamenti ‘Surprise me’) – Prodotti su misura selezionati con cura e consegnati in automatico. Il 49% dei consumatori ha affermato di essere disposto a sottoscrivere questo tipo di abbonamenti nel settore dell’abbigliamento, in cui esperti selezionano personalmente prodotti che potrebbero essere apprezzati in base ad acquisti precedenti.
3. Economia basata sul riassortimento (automatico) – Sensori intelligenti rilevano quando un prodotto sta per esaurirsi e procedono in automatico all’ordine e alla consegna. Il 65% dei consumatori utilizzerebbe il rifornimento automatico per prodotti per la casa come i detersivi. Un altro 60% lo prenderebbe in considerazione per alimenti freschi.
4. Economia dei servizi (‘Do it for me’) – Questo tipo di economia prevede l’esternalizzazione delle incombenze quotidiane. Il 51% dei consumatori ne farebbe uso per servizi di lavanderia: ritiro, lavaggio, piegatura e consegna a domicilio.Implicazioni di carattere sociale

 

La trasformazione del settore implica forti cambiamenti anche per le persone e la società, che aziende, decisori politici e regolatori devono saper gestire:
Ripensare gli spazi, valutando l’impatto sulle comunità locali – Con la diffusione del commercio digitale i punti vendita rivedranno i loro spazi, che assumeranno un ruolo diverso, sempre più spinti verso luoghi di esperienza, intrattenimento e attività ludiche. Questo potrebbe essere fatto con quegli interlocutori che curano l’interesse pubblico, come ad esempio le amministrazioni locali.
Riqualificazione della forza lavoro – Le tecnologie emergenti incrementeranno l’efficienza e cambieranno significativamente l’approccio al lavoro in questo settore. Business leader e decisori politici dovranno focalizzarsi su una rapida riqualificazione del personale, creando partnership con istituzioni scolastiche e influendo sulla politica affinché soddisfi le esigenze della futura forza lavoro.
Assicurare la sostenibilità – La soddisfazione delle richieste dei consumatori di avere consegne rapide deve andare di pari passo con l’impegno a minimizzare l’impatto ambientale. Il passaggio ai veicoli elettrici e l’esplorazione di modalità di condivisione nei trasporti (‘load sharing’) sono utili ad accrescere l’efficienza nelle consegne, rispettando al contempo l’ambiente. Inoltre, assumono un’importanza fondamentale l’innovazione nel design del packaging e il supporto alle infrastrutture legate al riciclo e riutilizzo dei materiali, per promuovere un’economia circolare.

Pubblicato il 26 luglio 2017

Più Letti della Settimana

28/02/2017

Indovina chi entra al supermercato

Fare la spesa oggi, in Italia, può essere quasi un rituale o un autentico momento di gratificazion

17/11/2016

State of Internet - Security Q3 2016

Akamai rende noto il Rapporto sullo stato di Internet Q3 2016 - Security. Il

03/11/2016

Nielsen, The Rise of Italian Consumer Confidence

Si posiziona a quota 57 l’indice di fiducia Nielsen dei consumatori italiani, in

30/11/2016

Analytics, un mercato da 900 milioni di euro

Un mercato in crescita, un mercato in salute e pieno di prospettive. Si è analizzato gli analytics

07/11/2016

Italian Referendum Sentiment

Qual è l’orientamento dei cittadini che usano internet riguardo al referendum costituzionale che

08/11/2016

eCommerce, From Black Friday to Christmas

Manca poco al Black Friday, tradizione americana ormai sbarcata in Italia da diversi anni, glorific

08/11/2016

Email marketing & eCommerce: la guida per Natale

È alle porte il periodo dell’anno più intenso e potenzialmente più redditizio per chi si occup

07/11/2016

Sharing Economy, investire o essere investiti?

Novembre è il mese in cui Milano si interroga sul tema della sharing economy in occasione del conv

01/02/2017

Brand Finance Global 500: Google sorpassa Apple, bene Lego, male le banche americane

Era dal 2011 Apple dominava la classifica Brand Finance Global 500

MyMarketing.Net
é una testata giornalistica registrata al Tribunale di Milano n. 327 del 10/05/2004 - Un progetto by TVN srl (P.Iva: 05793330969)