Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
06/09/2010  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Management della concretezza

mele
Gestire un’organizzazione oggi comporta una visione complessa sia del contesto interno che di quello esterno all’impresa. I manager sono chiamati a scelte spesso prese in tempi rapidi che devono essere: opportune, economiche ma soprattutto efficaci.
Il contesto turbolento e critico nel quale ci si muove non lascia spazio ad eccessi e ridondanze che forse appartengono, anche storicamente, ad un passato remoto. Piuttosto oggi le risorse sempre più esigue portano a compiere scelte, a gestire le organizzazioni in modo oculato ma soprattutto ad acquisire uno stile orientato alla sobrietà più che agli eccessi.
Emerge così l’esigenza di fare “le cose che servono” e di identificare i giusti obiettivi rispetto alle risorse di cui si dispone.
Questo impone da un lato la scelta di obiettivi e priorità in linea con le esigenze del mercato e della propria organizzazione, dall’altro un governo continuo delle azioni attraverso il monitoraggio di indicatori di prestazione e di risultato durante tutte le fasi di sviluppo delle attività messe in campo. Detto diversamente richiede una presenza ed una attenzione verso i processi sempre maggiore.
L’uomo d’impresa, concentrato nello sviluppo delle azioni, ma soprattutto orientato ad obiettivi e risultati, per coerenza deve mantenere uno stile sobrio ed essenziale che, nel rispetto di ruoli e contesti, senza soffocare istinti creativi o tratti positivi della sua personalità, lo metta in relazione con l’esterno in modo puntuale producendo un’azione incisiva ed alla lunga efficace.
Questo si riflette inevitabilmente sia sull’immagine dell’organizzazione che tanto più punta sulla concretezza tanto maggiore sarà la sua affidabilità, sia sul sistema di relazioni e sui contenuti che privilegiano dati e fatti a suggestioni e immagini emozionali.
In questo senso la comunicazione si fonda su elementi di concretezza, testimonia esperienze e fatti reali, sottolinea il valore del prodotto/servizio, offre una immagine rigorosa delle ricadute legate alla scelta del prodotto/servizio.
Ciò si ripercuote inevitabilmente sullo stile di comunicazione delle singole persone; nelle relazioni prevale chi si propone in modo sobrio ma efficace, con una immagine rassicurante ma seria (non seriosa!), con contenuti concreti ma accattivanti.
Signore e Signori: facciamo fatti …. non parole!
   

Giovanni Volpe
Amministratore Unico di COMITES srl
volpe@comites.mi.it


Comites
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MANAGEMENT - 07/11/2012
Kotler: 'L'Italia ha dimenticato il marketing'
MANAGEMENT - 19/01/2016
La Business Mobility nel mondo
MANAGEMENT - 10/02/2011
Customer Equity, ma attenti alla competizione
MANAGEMENT - 18/01/2016
Il futuro dell‘ecommerce
MANAGEMENT - 12/07/2010
Il web 2.0 non convince i marketing manager
 
 

Business Video