Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
08/09/2010  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Tutto è rebrandizzabile?

 Dato un obiettivo di mercato ogni brand è adatto a supportarlo?
 Mi chiedo cioè se data la scelta strategica di una azienda, il brand in essere è sempre adatto.
 
 Parto forse vista anche l‘ora in cui scrivo (20.17 di un tranquillo venerdì sera), dalla mia pizzeria preferita in provincia di Bergamo.
 Si trova a Levate ed è gestita da due simpatici coniugi.
 Piccola divagazione: se ci andate prendete la pizza Guly Gigante (30cm di diametro infarciti di: funghi porcini, taleggio, salsiccia nostrana su un letto di salamino piccante. Ovviamente pomodoro e mozzarella. Declino ogni responsabilità sulla digestione altrui!)
 Tornando brutalmente al marketing: quando entri nel locale la signora ti accoglie ed è come se entrassi in casa sua. Ti fa sentire di casa e se scegli la pizzeria scegli anche la signora e la sua compagnia che rinnova con visite al tavolo.
 Il locale è stato ereditato da una passata fortunata gestione che aveva creato un naming noto nella zona.
 I signori quando hanno preso il locale hanno però deciso di sacrificarne il nome storico e conosciuto per un nuovo naming che rappresentasse di più la loro offerta.
 Quale? I loro nomi di battesimo come dire vieni da noi...
 
 Il coraggio di cambiare quando un brand non è più in grado di rappresentarvi.
 
 Prendete il noto brand OVSIndustry. Ero all‘Orio Center e imbattendomi nel loro store ho colto la declinazione verso un target trendy, giovanile.
 Non voglio fare le sfumature di posizionamento ma la mia domanda è: l‘Oviesse, dove la mamma mi portava a prendere i pantaloncini estivi a poco, è sebbene rivisitata nel naming capace di incarnare un brand con valori e attributi di tendenza?
 
 Cioè il peso dell‘eredità di valori discontinui rispetto alla traiettoria di rebranding, non è un fardello che supera il contributo rappresentato dalla notorietà del marchio?
 
 E‘ una questione di metrica di un brand: c‘è un limite al di la del quale non ci si può spingere e dove conviene coniare un nuovo brand?
 
 Penso che la mia riposta sia sotto intesa...

Dario Ferrigato



ADVB Strategic Minds
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
BRANDING - 23/04/2011
Il tricolore esplode in adv
BRANDING - 12/06/2011
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
BRANDING - 23/04/2011
Coca-Cola vs Pepsi
BRANDING - 29/05/2011
Fiat 500 by Gucci
BRANDING - 06/09/2010
Fiberceutic di L’Oréal Professionnel
 
 

Business Video