Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
10/09/2010  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Social Media e Personal Branding: ora è il momento

lavoro
Un mercato del lavoro sempre più “flessibile”, di stampo sempre più anglosassone, sta creando unanuova generazione di occupati e di occupazioni. Il cosiddetto precariato è una delle dimensioni del fenomeno, l’altra è un nuovo modo di interpretare il mercato del lavoro ed il nostro posto in esso. Il trend sembra di difficile inversione, per cui tanto vale abituarsi all’idea, anzi magari considerarla un’opportunità straordinaria per dare forma al modo in cui intendiamo lavorare.

Abbandonata l’idea del posto fisso, visto che oggi sappiamo che cambieremo spesso azienda e/o lavoro nel corso della nostra vita professionale, a mio avviso è necessario abbandonare anche un’altra idea: quella di considerare il contratto a tempo indeterminato come una benedizione. La nozione di “vendere” noi stessi e le nostre capacità ad una serie di “clienti” dovrebbe in qualche modo entusiasmare, ma molto più spesso finisce con lo spaventare le persone. Il segreto è conoscere le regole del gioco, e saperle utilizzare a nostro vantaggio.

La prima regola di questo nuovo gioco è che se vogliamo essere in grado di gestire la nostra carriera e la nostra vita professionale dobbiamo impegnarci a costruire un “brand personale” che racconti di noi, delle nostre aspirazioni, dei nostri punti di forza e di quello che abbiamo da offrire. Che sia per lo scopo di crescere funzionalmente o gerarchicamente all’interno di un percorso aziendale, o di aprire una partita Iva, o addirittura di fondare una nostra attività commerciale o impresa, la regola è sempre la stessa: trasforma te stesso in un brand di successo e vendilo sul mercato al miglior offerente. Domina o sarai dominato, dice un vecchio adagio.

La buona notizia è che questo è forse il miglior momento nella storia per poterlo fare con facilità ed a basso costo. La rivoluzione di Internet prima, e del Web 2.0 poi, ha creato le condizioni per comunicare ad una vasta platea chi siamo, estendere il nostro network e gestirlo per aumentare le nostre chance di trovare lavoro (o clienti), abbassato drasticamente i costi di ricerca di un lavoro e di comunicazione delle nostre competenze al mercato, fornito uno strumento potente ai nostri clienti e responsabili selezione per trovarci, capire chi siamo e interessarsi a noi.

Ovviamente tutto questo non accade in automatico. Ci vogliono motivazione, coraggio e perseveranza, come per tutto nella vita. Compresa la grande opportunità di fronte a noi, quella di essere gli unici capi di noi stessi, fautori del nostro destino, inventori del nostro lavoro, gestori della nostra carriera, tutto il resto è in discesa. Basta solo imparare come si fa.

Ne parleremo in modo più approfondito nei prossimi articoli. Per il momento, a chi fosse curioso di approfondire, suggerisco di partire da qui: http://www.fastcompany.com/magazine/10/brandyou.html

Ah, dimenticavo, nel nuovo mondo è bene sapere l’Inglese.

Fabio Sgaragli
Ticonzero.info



Ticonzero
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
BRANDING - 23/04/2011
Il tricolore esplode in adv
BRANDING - 12/06/2011
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
BRANDING - 23/04/2011
Coca-Cola vs Pepsi
BRANDING - 29/05/2011
Fiat 500 by Gucci
BRANDING - 06/09/2010
Fiberceutic di L’Oréal Professionnel
 
 

Business Video