Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
18/12/2010  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook  versione inglese

The low fares airline

ryanair, marketing, branding
Pioniere in Europa della formula “no frills”, ovvero di un “servizio privo di fronzoli e a basso costo”, è riuscita a sconfiggere il monopolio delle compagnie di bandiera e a imporre la sua leadership, diventando la più importante compagnia aerea low cost, tra le più evolute e innovative del segmento: con una flotta di recente costruzione e in continua espansione, offre il collegamento con oltre mille destinazioni e nel 2009 ha battuto il record di 73 milioni di passeggeri.

Quella di Ryanair è una storia di indiscusso successo competitivo nel settore del trasporto aereo europeo. L’azienda, fondata nel 1985 dalla famiglia irlandese Ryan come alternativa alla compagnia di bandiera, è stata la prima compagnia europea ad offrire voli a tariffe basse, importando nel Vecchio Continente il modello americano del low cost, caratterizzato da voli assegnati prevalentemente ad aeroporti piccoli, decentrati e disposti ad offrire basse tariffe di atterraggio, dalla riduzione dei servizi aeroportuali e dei servizi a bordo. Un sistema, dunque, che consiste nel fornire soltanto il servizio essenziale del trasporto aereo, senza tanti extra quali la prenotazione del posto a sedere, i pasti e rinfreschi gratuiti in volo, la differenziazione di classe di viaggio.

Dal 1997, anno della deregolamentazione dell‘industria aerea europea, l’espansione di Ryanair, la cui sede è a Dublino e la sua principale base operativa è l’aeroporto di London Stansted, è stata rapidissima. Libera di aprire nuove tratte verso l’Europa continentale, offrendo tariffe inferiori di oltre il 50 per cento rispetto a quelle più economiche praticate dagli altri vettori, è diventata un vero e proprio punto di riferimento.

Ma il segreto del successo del brand non è dovuto soltanto alle bassissime tariffe. Il volume dei passeggeri Ryanair cresce rapidamente anche grazie alla sua posizione dominante nel settore per la puntualità. Aeroporti più piccoli e meno trafficati garantiscono infatti operazioni più veloci e impongono minori restrizioni in termini di numero di partenze e atterraggi giornalieri. Inoltre, non intersecando le proprie rotte con quelle delle grosse compagnie, Ryanair può offrire tratte senza scalo. E ancora, Ryanair registra il minor numero assoluto di bagagli smarriti, vera croce delle altre compagnie.

Dal 2000 Ryanair dispone inoltre del sito web di prenotazione dei viaggi più grande d’Europa, attraverso il quale è possibile usufruire di convenzioni con hotel, autonoleggi, assicurazioni, guide turistiche. Nelle pagine del sito sono inoltre inserite le informazioni più interessanti su ogni diversa destinazione di Ryanair, tradotte in dieci lingue e aggiornate ogni 3 mesi. Un servizio che consente a chiunque di visitare le splendide isole Canarie a prezzi veramente irrisori, evitando di acquistare un costoso pacchetto vacanza dai tour operator.

Tra i punti di forza del brand, anche la strategia promozionale. Ryanair è infatti molto nota per sorprendenti campagne pubblicitarie, stravaganti ma di forte impatto, con slogan di grande effetto, che di solito traggono spunto dall’attualità politica per promuovere tariffe concorrenziali. Indimenticabile quella del 2001, quando venne raffigurato il Papa che rivela il quarto mistero di Fatima: le tariffe Ryanair. Così come quella in cui il brand ha sfruttato l’onda mediatica della polemica sulle “veline” candidate alle Europee, con lo slogan “Vola anche tu in Europa!”, sapientemente abbinato a eloquenti vignette.

Nonostante le bassissime tariffe, Ryanair è riuscita a diventare una compagnia aerea di profitto e a mantenere notevoli margini di guadagno. Grazie, indubbiamente, a un’abile strategia. Ad esempio, il brand è da poco entrato nel settore pubblicitario con un proprio mezzo, quello delle proprie carte d’imbarco, che offrono agli inserzionisti un potentissimo veicolo promozionale. Senza contare le inserzioni sul sito internet, dove oggi transitano più di 15 milioni di visitatori al mese.




Superbrands
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
BRANDING - 23/04/2011
Il tricolore esplode in adv
BRANDING - 12/06/2011
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
BRANDING - 23/04/2011
Coca-Cola vs Pepsi
BRANDING - 29/05/2011
Fiat 500 by Gucci
BRANDING - 06/09/2010
Fiberceutic di L’Oréal Professionnel
 
 

Business Video