Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
16/01/2011  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook  versione inglese

Starbucks sveste il logo e tra i fan è subito rivolta

In occasione del suo quarantesimo compleanno Starbucks Corp ha presentato il nuovo logo che consisterà esclusivamente nella figura mitologica della sirena verde, rinunciando quindi definitivamente alla scritta “Starbucks Coffee”.  Immediate le proteste dei fan che osteggiano la scomparsa del brand a cui ormai erano affezionati. Sebbene l’evoluzione del logo di Starbucks sia  volta ad una comunicazione fondata sulla qualità del prodotto, invece di puntare all’esaltazione del brand, la perdita dell’inconfondibile logo verde e nero genera ugualmente perplessità. La società però difende la propria scelta, e l’amministratore delegato di Starbucks, Howard Schultz, ha spiegato le ragioni della decisione di staccare il proprio nome dal simbolo. L’assenza del brand concede la possibilità di associare il logo ad un maggior numero di prodotti: dal caffè, che rappresenta uno dei settori in cui la società rimane più attiva, ai prodotti  reperibili nei punti vendita esclusivi, fino allo smercio nei supermercati. “La sirena ci dà la libertà e la flessibilità di pensare a prodotti che vanno al di là del solo caffè” ha dichiarato Howard Schultz “è stata lì per tutti i quarant’anni della storia di Starbucks”. Sempre secondo le dichiarazioni dell’amministratore delegato il cambio del logo, che avverrà intorno a marzo, non sarà l’unica novità che accompagnerà questo 2011. Se la reazione del pubblico è comprensibile, essendo Starbucks uno dei brand più conosciuti e apprezzati nel mondo (presente a oggi in 49 Paesi diversi con 17.000 negozi), e sarà quindi inevitabile una fase di smarrimento dei consumatori o nostalgico dissenso, è pur vero che ormai il mercato impone design accattivanti e soprattutto innovazione, per cui è giunto il momento anche per Starbucks di cambiare veste grafica e rinnovarsi. Il caso ricorda molto – anche secondo la CNN -  ciò che è recentemente accaduto a GAP, famoso marchio d’abbigliamento statunitense che ha visto il suo nuovo logo talmente contestato da essere costretto a tornare sui propri passi. Chissà se anche per la sirena tutto si dissolverà come una bolla di sapone..

Roberta Masella


ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
BRANDING - 23/04/2011
Il tricolore esplode in adv
BRANDING - 12/06/2011
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
BRANDING - 23/04/2011
Coca-Cola vs Pepsi
BRANDING - 29/05/2011
Fiat 500 by Gucci
BRANDING - 06/09/2010
Fiberceutic di L’Oréal Professionnel
 
 

Business Video