Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
16/01/2011  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook  versione inglese

3 segreti per migliorare le campagne di Keyword Advertising nel 2011

Keyword Advertising
Il marketing mix delle aziende più importanti include in misura crescente una o più campagne di visibilità legate all’acquisto di parole chiave. Nella seconda parte del 2010 la pubblicità online sui motori di ricerca è stata caratterizzata dall‘introduzione di una serie di grandi novità che avranno un importante impatto nel 2011. Ecco una selezione di 3 innovazioni di fine 2010 che miglioreranno le vostre Campagne di Keyword Advertising anche nel 2011.

Meno Rischi con gli ‘Esperimenti’ su Campagne di Google AdWords
Aggiungere un nuovo annuncio di prova in gruppi ad alto traffico può generare un sacco di rischi per il rendimento del vostro account. Esempio: si dispone di un gruppo di annunci che genera 10.000 € di fatturato al giorno e si aggiunge un secondo annuncio in più, de facto si sta mettendo a rischio circa 5.000 € di ricavi mentre si aspetta l’esito del test.
Da fine 2010 le Campagne su AdWords hanno la nuova funzionalità “esperimenti” che consente di testare solo una percentuale del vostro traffico con nuovi annunci o parole. Nel precedente esempio, si potrebbe mettere solo il 10% del fatturato a rischio (esperimento) , mantenendo i vecchi annunci sul 90% delle uscite (controllo). Questa nuova funzionalità rivoluzionerà la gestione degli account medio grandi, permettendo un migliore bilanciamento rischi/opportunità, proprio come fanno i gestori di fondi azionari.


Estensioni per tutti i Gusti
Nel 2010, Google ha lanciato i ‘sitelink’ ovvero estensioni di prodotto ed altri tipi di estensioni che possono essere associati a parole chiave acquistate. Ogni inserzionista dovrebbe conoscere e testare i sitelink. Gli investitori con un indirizzo fisico geolocalizzato dovrebbero usarli per segnalare la loro posizione geografica nelle campagne di ricerca locale.


Le estensioni sono facili da configurare, in genere un analista esperto le configura in meno di trentaminuti e permettono di direzionare l’utente nella specifica landing page di prodotto, facendo risparmiare tempo e soldi. Queste estensioni avranno un effetto importante su molti dei tuoi annunci.

Ricordo che le estensioni (o site links) sono disponibili anche sul ranking naturale per i siti più meritevoli che hanno fatto attività di posizionamento naturale: sotto un esempio. Per maggiori dettagli chiedete alla vostra agenzia SEO o guardate il corso SEO proposto da IULM ad inizio Marzo 2011.


Integrazione Bing - Yahoo
Il concetto di Pay per click (ovvero pubblicità con parole chiave) su larga scala è nato da Overture (poi ridenominato Yahoo Search Marketing) nel lontano 2003. A seguito della partnership di fine 2010 Yahoo Search Marketing ha chiuso mandando i suoi inserzionisti sulla piattaforma Microsoft adCenter.
Per chi utilizza il PPC all’estero è tempo di attivare o provare adCenter. Se volete competere sul mercato USA l’alleanza Yahoo-Bing vale circa il 35% del mercato americano e non può quindi essere ignorata. In previsione della nuova sfida, Google ha lanciato nel 2010 un gran numero di nuove funzionalità che ci auguriamo aumentino la concorrenza sui canali di ricerca e pubblicità a pagamento sui motori. Per chi volesse saperne di più sulla partnership Binghoo.

Autore:Ale Agostini

Amministratore, Bruce Clay Italia e docente Master Iulm Micri

Altri Articoli di web marketing diAgostini



Bruce Clay
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MEDIA - 06/02/2009
Edilportale Marketing Awards 2009
MEDIA - 28/03/2011
I ‘trucchi‘ del sapere
MEDIA - 01/03/2011
Sky e il calcio più bello. Riflessioni post evento
MEDIA - 08/10/2010
Affermare la Marca sui Mercati Esteri: quando il SEO (posizionamento sui motori di ricerca) aiuta il “branding online”
MEDIA - 13/11/2010
Comunicato stampa visibile su Google? 5 facili trucchi a costo zero!
 
 

Business Video