Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
29/01/2011  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook  versione inglese

Miti da Start-up: “Lancio l’Idea, sviluppo il Business, poi Vendo!”

Ci sono startup che passano una vita a sperar di essere finanziate....
Ci sono startup che addirittura nascono con l‘idea di esser vendute...
Pensateci bene, iniziereste mai un rapporto con una persona pianificando a tavolino come mollarla con successo?
Io sono dell‘idea che la sfida vera per un imprenditore (me compreso) sia trasformare idee in business facendo affidamento su quel che si ha e su quel che si trova, sulle proprie forze e capacita‘. Non sulle risorse altrui!
Inutile lamentarsi che in Italia non c‘è capitale di ventura, si è vero, è cosi, ma quanti "imprenditori di ventura" ci sono, peró!
Ho incontrato tantissime persone, imprenditori e non, con delle idee, ne incontro a decine ogni anno, pochi convinti a mettersi realmente in gioco, pochissimi sicuri veramente di quel che stanno facendo.
Intendiamoci per chi come me fa consulenza strategica può pure essere vista come un‘opportunità, ma se siete voi a non volerci mettere denaro o tempo, come potete pensare ce lo mettano altri?
"Eh, ma in America, peró!..."
Si è vero negli Stati Uniti, specie in alcune aree e per alcune tipologie di startup (vedi web e IT a San Francisco e dintorni) è tutto diverso, ma attenzione è davvero tutto diverso! C‘è chi vi può appoggiare finanziariamente un‘idea, ma poi la vostra idea deve fare i numeri, quelli veri e in fretta. Non esistono startup che superano il terzo anno di attività con dimensioni non giá da media impresa... è l‘approccio, differente, si investe su 100 startup per farne sopravvivere 1, qui non si investe su nessuna per farne sopravvivere 80, (con fatica) chi supera la crisi del terzo anno e ce la fa allora comincia a prendere soldi, perché ha gli asset; Non a caso tutti i rating di solvibilitá e soliditá in Italia usano proprio questo indicatore del terzo anno di età come KPI.
E‘ proprio di questi giorni la notizia che Yahoo, grazie all‘ennesimo cambio/rinnovo di strategia, sta pensando di chiudere uan serie di servizi storici, molti dei quali nati proprio da acquisizioni/finanziamenti di startup. Uno di questi è un servizio mito del web 2.0, www.delicious.com, il primo e usatissimo (anche da me, ancor oggi) tool per la memorizzazione e la condivisione dei propri url preferiti. (What’s Next for Delicious?)
Delicious era stata acquisita per fior fiori di soldi con grande soddisfazione del suo team. Si parlava di "Mission completed" per chi l‘aveva fondata, una sorta di punto di arrivo per una startup. Come è andata a finire? Beh da quel giorno, Delicious è entrato a far parte delle leve in mano a Yahoo per muovere la propria strategia, risultato: non l‘ha mai usato un gran che e oggi sta pensando ad una chiusura o ad un management buy-out!
Insomma, l‘acquisizione non solo non ha portato fortuna, ha cambiato scenario e obiettivi, portando il servizio sull‘orlo della chiusura.
Per Buell con Harley-Davidson è andata peggio! Apprezzata da motociclisti di mezzo mondo (nn da me che amo moto + Japan!), legata ancora al mitico Mr.Buell, acquisita e lanciata da HD, ha dovuto soccombere alla mera "strategia di gruppo" quest‘anno, senza neanche la possibilità di uscirne in autonomia, "troppo legata al brand HD e ai suoi punti vendita" (dichiararono in HD) per vivere da sola!
Sia ben inteso, ci sono tantissime storie che, al contrario sono di successo, legate a startup e acquisizioni, perció non voglio certo dichiarare il contrario, ma se avete un‘idea e state pensando di buttarvi nella mischia, state attenti ai miti da startup:
1. Pensate ad un business plan per creare valore vero e non ad uno per "vendere" agli investitori
2. Se ci credete veramente, Buttatevi anima e corpo, in prima persona e non abbiate paura di sbagliare, probabilmente dovrete cambiare più volte l‘idea iniziale, ma se saprete stare attenti e veloci a riadattare il vostro modello, alla fine ce la farete alla grande
3. Se non siete ancora certi al 100%, non volete mettervi in gioco in prima persona, siete in cerca di investitori, etc...mettete sotto stress la vostra idea sul serio, ci sono parecchi consulenti strategici in grado di farlo, noi in ADVBOUCLE Stratetic Minds chiamiamo questo servizio A-Team, un gruppo di persone vi ascoltano e cercano di trovare punti di forza e debolezza nel vostro modello di business. Il risultato: o uscite più forti o lasciate perdere la "ventura"!




ADVB Strategic Minds
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MANAGEMENT - 07/11/2012
Kotler: 'L'Italia ha dimenticato il marketing'
MANAGEMENT - 19/01/2016
La Business Mobility nel mondo
MANAGEMENT - 10/02/2011
Customer Equity, ma attenti alla competizione
MANAGEMENT - 18/01/2016
Il futuro dell‘ecommerce
MANAGEMENT - 12/07/2010
Il web 2.0 non convince i marketing manager
 
 

Business Video