Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
24/02/2011  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Twitter si rinfresca e manda al fresco

Twitter, per chi non ne fosse sicuro, è una semplice interfaccia che permette ad i suoi membri di “cinguettare” un qualunque pensiero in 140 caratteri. Questo per quante volte e con la frequenza che si desidera. Naturalmente qualcuno dovrà pur “sentire” quello che si declama e quindi occorrono dei followers , ovvero utenti interessati a seguire quello che si dice. Certo non è sempre così; volendo nella giungla rumorosa l’importante risulta più che altro urlare a squarciagola. Bisogna però accettare che Twitter è oramai un business serio; ci sono moltissimi modi di guadagnare rilanciando (si dice ReeTweet abbreviato in RT) informazioni e link. Per cui a volte si perde il divertimento per pochi cent.

Per non diventare noioso, nel 2011 Twitter si rinfresca. Sono previste tre nuove funzioni: Twitter Places, Twitter Analytics e possibilità di scrivere messaggi più lunghi. La richiesta dell’eurodeputato Morten Løkkegaard, approvata anche dalla commissione Cultura del Parlamento Europeo,di un maggior uso dei social network in politica per raggiungere i cittadini, con particolare attenzione nei confronti dei giovani è stata subito raccolta da Twitter.

Ecco dunque le news: la prima funzione, ‘Places‘ ricorda i ‘Luoghi‘ di Facebook e serve a indicare il posto in cui ci si trova o avere maggiori informazioni su di esso. Una funzione che servirà principalmente a indicare la posizione di ‘imprese eventualmente nelle vicinanze dell’utente. La seconda, ‘Analytics‘ permette un’analisi dei tweet presenti sul network e individuare quelli di maggior successo.

E per concludere la terza nuova peculiarità: messaggi più lunghi, schemi più liberi e possibilità di esprimenre pensieri più ariosi. Le famose quanto anti-grammaticali abbreviazioni tipiche degli SMS (vedi: ‘cmq‘, ‘ubg‘, ‘tvb‘, ‘xkè‘ o altre bizzarrie affini) che hanno creato un nuovo opinabile linguaggio, erano recentemente approdate anche nella giungla dei cinguettii.

Twitter ha trecentomila nuovi iscritti quotidianamente, si parla di 20 miliardi di tweet. Il fenomeno  sta prendendo piede proprio dovunque, con conseguenze a volte singolari: in Cina una donna è stata arrestata il giorno del suo matrimonio a causa di una battuta scambiata sul portale. Cheng Jianping, giornalista, condannata a un anno di lavori forzati. Galeotta fu la frase: «Forza, giovani in collera, muovetevi! Andate!» rivolta ai giovani nazionalisti del suo paese, che il governo aveva lasciato manifestare a Pechino contro l‘abbordaggio, da parte del Giappone, di una nave cinese al largo dell‘arcipelago di Senkaku, nel Pacifico, oggetto di disputa tra le due nazioni.

La donna ha cinguettato un messaggio per ridicolizzare questi nazionalisti incoraggiati dalle autorità. Teng Biao, amico e avvocato di Cheng, parla di lei come della prima martire del network, e per Cheng non ci sarà clemenza alcuna, come recita la sentenza: è stata condannata per comportamento illegale, caratterizzato da un tweet che incita gli internauti a recarsi a Shanghai per devastare il padiglione giapponese.

Se Pechino comincia a preoccuparsi per il passaparola web, in Italia la spinta è da tutt’altra parte. Per i clienti Wind è infatti disponibile un nuovo servizio: Twitter SMS, che permette di ricevere gratuitamente i Tweet dei propri contatti sul telefonino e di pubblicare un Tweet sul proprio profilo via SMS. Wind diventa così il primo operatore nazionale di telefonia mobile a fornire un servizio che renderà ancora più rapido, semplice e veloce il collegamento a Twitter, senza bisogno nemmeno della connessione a internet.

Roberta Masella


Redazione MyMarketing.Net
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MEDIA - 28/03/2011
I ‘trucchi‘ del sapere
MEDIA - 01/03/2011
Sky e il calcio più bello. Riflessioni post evento
FOCUS ON - 16/02/2011
Forum della Comunicazione Digitale 2011
BRANDING - 02/03/2011
Un Tram Lilla per riscoprire la tenerezza
FOCUS ON - 01/03/2011
Dylan Dog sul grande schermo, parte I
 
 

Business Video