Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
05/03/2011  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook  versione inglese

Leader oltre crisi

manager
La crisi globale che ha investito come un turbine tutte le organizzazioni ha lasciato profonde tracce nel modo di fare impresa e nell’approccio lavorativo più in generale.

Cambia oggi il modo di esercitare la propria leadership in rapporto alle modifiche ed alle ricadute che si sono avute sulle organizzazioni.

Spesso le conseguenze della crisi, soprattutto a seguito dell’incertezza che questo fenomeno ha prodotto, hanno profondamente inciso sui rapporti tra le persone, sul loro stato d’animo, sulle prospettive personali e, più in definitiva, sul modo di lavorare e vivere la quotidianità.

Se in passato il leader era una figura indiscussa e investita spesso dal contesto della sua “autorevolezza”, oggi tale riconoscimento viene conquistato “sul campo” attraverso lo sviluppo di competenze che agiscono prevalentemente sulla relazione con le persone.

Se prima il leader doveva possedere innanzitutto capacità tecniche per governare al meglio i processi adesso deve rivalutare approcci che coinvolgono cuore, emozione ed empatia.

Se un tempo le competenze di natura razionale-economica rappresentavano una chiave di svolta nell’esercitare la propria leadership, nell’attuale condizione, ancora influenzata da incertezza e instabilità, intuito e creatività sono, insieme alla capacità relazionale, le competenze più strategiche.

In conclusione il leader contemporaneo si trova a confrontarsi con il contesto in cui opera e le persone con le quali si relaziona, attraverso approcci inediti che portano verso soluzioni originali e dimensioni prima imprevedibili.

Oggi il leader si misura con sentimenti, storie personali, emozioni e valori individuali spesso diversi tra loro per comprendere, valorizzare e guidare, senza trascurare il fatto che il suo carico di responsabilità è quello di orientare l’azione del gruppo verso comuni obiettivi che abbiano una ricaduta economica, sociale ma anche relazionale ed affettiva.

Giovanni Volpe

Amministratore Unico di COMITES srl

volpe@comites.mi.it

www.comites.mi.it



Comites
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MANAGEMENT - 13/01/2016
Le 5 cose necessarie a un imprenditore nel 2016
MANAGEMENT - 03/04/2011
La lista delle 500 PMI di successo
MANAGEMENT - 15/05/2011
Green marketing e nuovi consumatori
MANAGEMENT - 20/01/2012
Comunicare la sostenibilità
FOCUS ON - 16/09/2011
Green marketing e responsabilita'
 
 

Business Video