Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
23/03/2011  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Sport Business Academy: internazionalizzazione tout court!

juventus, barcellona, nba, premier league, serie a, formula 1, blanc, ettore messina
Imitare la concorrenza e innovare il settore: due punti cardini da cui sono partiti i relatori accorsi in occasione dell’apertura del nuovo anno accademico di ‘Sport Business Academy’ per presenziare alla tavola rotonda ‘l’internazionalizzazione dello sport italiano, opportunità e necessità’. L’obiettivo primario di Sport Business Academy è la formazione e l’iniziativa è nata per merito di Rcs Sport e la SDA Bocconi School of Management.

Lo sport certamente richiede organizzazione e capacità manageriali e ciò non prevede un ricercare a tutti i costi il profitto. Anche le società che forniscono servizi e spettacoli, pur non dividendo utili sono considerate dai giuristi società d’impresa. Lo sport con il passare del tempo è diventato sempre più un fenomeno complesso, caratterizzato da differenti fattori quali quelli psicologici, organizzativi, di salute e sempre più supera i confini nazionali e deve raffrontarsi con tutto quello che capita altrove. E’ sintomatico come la tavola rotonda sia stata organizzata e pensata da Gazzetta dello Sport (115 anni di vita) e Bocconi (109 anni di vita); due aziende ‘anziane’ma radicate e quanto mai attuali e all’avanguardia attente a risolvere i problemi odierni. In apertura è intervenuto l’A.D. di Rcs Sport Giacomo Catano che ha evidenziato il ruolo della società come ‘organizzatrice di eventi orientata anche al marketing nel mondo dello sport. E’ una realtà che offre consulenza e si fa promotrice di un modello di business.’ Rcs Sport è sinonimo di Giro d’Italia, Milano-Sanremo, maratona di Milano ma è anche tanto altro. E’ una solida certezza che si affaccia come advisor in differenti realtà agonistiche. 
  
A seguire l’intervento del Direttore della Gazzetta dello Sport Andrea Monti che ha parlato del ‘foglio rosa’ come di ‘un modello culturale a disposizione dello sport’. Questo settore, prosegue il direttore, ha un forte bisogno di ‘managerialità perché la sfida è giocata sul terreno della globalità e non più nel chiuso territorio nazionale. Ad oggi l’Italia esporta più modelli di talento singoli che di business. Un lavoro degno di nota è certamente quello svolto da Blanc e tutta la Juventus per la progettazione e costruzione del nuovo stadio di proprietà. Per restare al calcio, in Italia questo settore produce un fatturato che equivale alla metà rispetto a quello della Premier League e delle Liga spagnola. Il sistema calcio fattura 1,7 miliardi di euro l’anno che non equivale neanche all’hockey, quarto sport americano’.
Un’analisi piuttosto negativa dello sport italiano che ha il calcio come punto di riferimento. E proprio su questo punto si è soffermato il Docente di SDA Bocconi Cataldo Ruta che che ha elencato le competizioni più seguite a livello internazionale: la Champions League tra tutti gli sport è sicuramente quella più internazionalizzata seguita a ruota dalla Formula1 e dalla NBA americana. Il massimo esempio di eccellenza è rappresentato dal Barcellona di Pep Guardiola, che a seguito di un rigoroso processo di internazionalizzazione può contare 170 milioni di fan nel mondo, di cui l’80% stimato all’estero e inoltre il 50% delle 60 milioni di web page sono in lingua straniera. Il merchandising è uno degli aspetti cardine per tutte le società e il ‘Barca’ anche per questo aspetto non è da meno: il 50% delle vendite viene effettuato all’estero e la ‘Barca Tv’ viene fruita in 155 Paesi. Lo sforzo secondo il Professor Ruta ‘deve essere fatto a livello di club e di leghe’.

Al termine della presentazione dei lavori si sono alternati sul palco i relatori tra cui il Presidente Federazione Italiana Tennis e membro del CIO, Federico Ricci Bitti, che ha evocato le grandi vittorie di Flavia Pennetta e Francesca Schiavone per spiegare il nuovo impulso internazionale dato al tennis italiano. Un momento così intenso e fortunato per il tennis italiano non lo si ricordava dai tempi di Panatta e Bertolucci, artefici delle prime grandi emozioni sotto rete.

Michele Pignatti Morano, Responsabile Ferrari New Business, ha fatto leva sul livello emozionale creato da un brand esponendo il faraonico progetto ‘Ferrari Park ad Abu Dhabi’. Un progetto innovativo nato, come affermato da Pignatti Morano, ‘per arricchire l’esperienza di tifosi e appassionati del noto cavallino. La struttura è nata nel 2005 sotto il forte impulso del Presidente che voleva allargare il target coinvolgendo anche le famiglie e da qui il primo e al momento unico parco tematico al mondo.’

Al centro del palco era seduto l’Amministratore Delegato e direttore generale della Juventus FC Jean Claude Blanc che ha esposto al pubblico presente in sala il modello Juve, un modello che, fuori dal rettangolo di gioco, è certamente innovativo per il nostro Paese e che tenta di mettersi al passo con le realtà più importanti. ‘Il nuovo stadio apre nuovi scenari per mostrare il talento italiano e per dimostrare che anche in Italia ci sono strutture importanti. Scenari nuovi per nuovi ricavi quali i naming rights ma anche aree business. Il punto di forza è rappresentato da un servizio che consente alle famiglie di essere sicure al’interno di un impianto sportivo.’

Tra i relatori era presente anche il coach per antonomasia, Ettore Messina, che ha parlato della migrazione verso l’estero di molti tra gli allenatori italiani raggiungendo anche ottimi risultati. La sua scelta è maturata in seguito a ‘una non sopportazione del clima esasperato che si respirava nei palazzetti e inoltre la possibilità di trovare un progetto vincente per tentare la scalata all’EuroLega’.

Gianpiero Romanazzi



Redazione MyMarketing.Net
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MEDIA - 28/03/2011
I ‘trucchi‘ del sapere
MEDIA - 01/03/2011
Sky e il calcio più bello. Riflessioni post evento
FOCUS ON - 16/02/2011
Forum della Comunicazione Digitale 2011
BRANDING - 02/03/2011
Un Tram Lilla per riscoprire la tenerezza
MANAGEMENT - 02/04/2014
RCS NEST e l'incubazione digitale
 
 

Business Video