Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
11/04/2011  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Mozilla sfida Google e Apple

guerra delle App
E‘ iniziata la guerra delle web app. Mozilla Foundation si aggiudica il titolo di terzo sfidante in una partita che finora vedeva in gioco Google e Apple.

Il gigante di Mountain View aveva esordito a dicembre con il suo Chrome Web Store, un negozio per le applicazioni software accessibili dal web: sono strumenti per il lavoro in ufficio, giochi, social network. I programmatori informatici di Big G fino ad oggi hanno portato quasi quattro mila applicazioni elettroniche sulle mensole digitali di Google, traducendosi per gli utenti in un considerevole risparmio di tempo e attenzione.

Grazie a TweetDeck, incluso nelle applicazioni di Chrome Web Store, gli users possono ad esempio leggere in una singola pagina i messaggi pubblicati in più social network, evitando in questo modo di accedere nel medesimo momento ad altri software.

Ma i progetti in cantiere per Big G non si fermano qui: nei laboratori del colosso a stelle e strisce si stanno elaborando app in grado di riconoscere la voce e tradurla in testi scritti in tempo reale, con il supporto dello standard html5.

A gennaio poi, anche Apple ha aperto una sua vetrina elettronica per le webapps, il Mac App Store, a un mese di distanza da Google. Secondo le valutazioni della società di analisi Distimo, sono già circa 2.200 le app giunte finora sulla vetrina digitale dell‘azienda di Cupertino.

Dalle stesse rivelazioni è emerso che sulle cento applicazioni più scaricate nel negozio virtuale di Apple il 39% sono giochi, il 28% strumenti di utilità, il 15% programmi per la produttività, il 5% per l‘istruzione e il restante 13% include intrattenimento, notizie, social network.

Nel Chrome Web Store, invece, sono le utilities i software ad aggiudicarsi il maggior numero di download (22%), seguiti da produttività (20%) e giochi (13%).

Con Web App Project, Mozilla Foundation, anima del browser Firefox, è diventato il terzo duellante di una sfida che si preannuncia agguerritissima. Gli ‘ultimi’ arrivati hanno intenzione di coinvolgere in un progetto gli sviluppatori software per integrare le apps nei siti web. Ad oggi il progetto è in fase sperimentale, ma il team di sviluppo ha rilasciato un primo set di API e una prima documentazione utile per ricevere feedback dagli sviluppatori e, al contempo, invogliarli a cominciare a programmare le prime applicazioni.

Mozilla punta a unire l‘esperienza degli utenti attraverso gli schermi di cellulari, notebook, desktop. Prevede, infatti, una sincronizzazione della webapp con gli smarphone e un supporto per widget.


Filippo Turati



Redazione MyMarketing.Net
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
BRANDING - 23/04/2011
Il tricolore esplode in adv
MEDIA - 28/03/2011
I ‘trucchi‘ del sapere
MANAGEMENT - 07/11/2012
Kotler: 'L'Italia ha dimenticato il marketing'
FOCUS ON - 20/02/2011
La cravatta fa l’uomo marketing
BRANDING - 12/06/2011
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
 
 

Business Video