Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
05/05/2011  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Ordine & Extra-Vaganze

Il 4 e 5 maggio si è svolto presso l‘Università IULM di Milano Ordine  & Extra-Vaganze, il solo evento italiano capace di focalizzare i più interessanti cambiamenti che avvengono nel mondo del Retail, indispensabile per dare voce ai più rappresentativi attori del settore.

Giunto alla sua sesta edizione l‘evento di POPAI ha offerto  due giorni di convegno nei quali retailers, brand company ed esperti, si sono confrontati sul tema marketing e retail. Quattro le aree di studio proposte con discussioni e confronti: Digital Innovation, Green Retail, Insight Research, Retail Design & Pop. A ciascuna di queste aree, esperti nazionali e internazionali hanno dedicato spazi di ricerca e confronto, un dibattito aperto, utile ad entrare nelle ragioni, nella realtà, nelle certezze e nelle domande di un mercato in espansione.

Dibattiti sul ruolo odierno delle tecnologie digitali, sulla ‘visione verde‘, sui servizi innovativi che le Brand Companies propongono ai consumatori finali, sono stati proposti nel corso della due giorni per essere approfonditi da esperti e per dare vita a  una delle visioni più all‘avanguardia del retail nazionale e internazionale. Tutto ciò per dare vita al più dettagliato focus italiano – e non solo - su una realtà che mette a confronto proprio quelle strategie e politiche commerciali che hanno il coraggio di essere visionarie perché contengono futuro.

Ben cinque le sessioni dedicate al Retail Design, momenti di approfondimento nel corso dei quali verranno approfonditi ed analizzati gli hot topics della industry:

-I Temporary Store, un format in rapida diffusione, luoghi che raccolgono esperienze diverse e una molteplicità di formule spesso difformi.
-I Materiali POP, il loro peso sulla scelta finale del cliente e la percezione dei consumatori nei confronti di questi artefatti, con la presentazione dei risultati ottenuti dalla survey e, delle strategie di grandi aziende che meglio di altre hanno approfondito queste problematiche.
-Lo Shopfitting, condizione necessaria ma non sufficiente per una shopping experience memorabile, un ‘must‘ che prescinde dalle dimensioni del punto vendita che coinvolge negozi di piccola superficie e giganteschi ipermercati.
-Il Visual Merchandising, un linguaggio sempre più sofisticato che esprime con efficacia ed immediatezza i valori di uno stile di vita del cliente nonché disciplina che sottintende un insieme di operazioni finalizzate a creare un’armonia tra il prodotto e l’ambiente del punto vendita.
-Il Travel Retail, canale dal potenziale ancora tutto da scoprire e frutto della necessità di rendere profittevoli i così detti ‘non luoghi‘ di passaggio. Questi luoghi rappresentano i punti nevralgici della distribuzione di prodotti nonché splendide opportunità per l’apertura di nuovi punti vendita di grande attrazione.

Tre le sessioni sui temi del digital con focus su quanto di più importante offre attualmente il panorama nazionale ed internazionale. Pensata per portare sempre più avanti la cultura del Digital Signage, ‘A Screen Is Not Enough‘ ha ospitato il dibattito intorno a quello che è stato definito come il più innovativo tra i mezzi di comunicazione odierni. L’e-commerce al centro del dibattito di ‘E-tail:updated Retail‘, sessione che illustrerà le strategie di brand e retailer che hanno scelto di affidarsi al web entusiasticamente credendo ad una vera e propria rivoluzione dei processi commerciali.
Il marketing nell’era del web è il focus di ‘Brand New Days Dotcom‘, nuove regole e strategie proprie di un marketing di nuova generazione per il quale cambia il messaggio e il contenuto anche quando si parla di promozione dei prodotti e di fidelizzazione dei clienti.

Per la tematica green ci sono stati due momenti di approfondimentonei e dibattito su eco-sostenibilità e green wash retail. La mutazione legata alle logiche green interessa l’intera filiera del retail: dal centro di distribuzione sino al punto di vendita sino al riciclo del prodotto. Un nuovo bisogno che coinvolge tutti i settori, senza eccezioni. I retailer sono obbligati a ripensare la loro attività introducendo l’ eco-compatibilità, nonostante l’adozione di uno stile ecocompatibile rigoroso e coerente non sia semplice. Mentre sul fronte opposto crescono i consumatori che scelgono i brand in base alla condivisione dell’etica dell’eco-sostenibilità. Ma tutti questi brand sono davvero così green come vogliono sembrare?

In queste sessioni, POPAI ha esplorato l’attuale panorama del retail eco-compatibile per presentare le aziende che davvero hanno adottato un approccio coerentemente green ai prodotti e ai servizi che offrono al grande pubblico. Infine l‘Ipersegmentazione del target, strategia recentemente oggetto di forti critiche ma che per i retailer spesso si è rivelata una scelta vincente, è stato il focus della sessione dedicata ad Insight research. In questa sessione, POPAI ha dimostrato come le strategie di ipersegmentazione ovvero di rimpicciolimento del proprio target siano servite al rilancio di insegne rese esauste dalla guerra dei prezzi giocata senza tregua nelle maggiori catene italiane.

Roberta Masella


ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
BRANDING - 23/04/2011
Il tricolore esplode in adv
MEDIA - 28/03/2011
I ‘trucchi‘ del sapere
MANAGEMENT - 07/11/2012
Kotler: 'L'Italia ha dimenticato il marketing'
FOCUS ON - 20/02/2011
La cravatta fa l’uomo marketing
BRANDING - 12/06/2011
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
 
 

Business Video