Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
02/08/2011  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

L’automotive è unconventional

Target sempre più esigenti e utenti sempre più ‘avanzati’ impongono l’utilizzo di un nuovo linguaggio e soprattutto la messa a punto di nuovi servizi. "Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma", diceva Lavoisier. In realtà oggi tutto si ‘fonde’, il confine tra comunicazione offline e online è ormai labile, il cliente è un attore della community, il passaparola è un ‘video viral’e tutto è sempre più ‘mobile’. E se parliamo del settore ‘automotive’ il tutto va elevato alla potenza.
Imperativo categorico è creare ‘engagement’ e ‘stupire’, farlo con budget notoriamente sostanziosi è forse più facile, ma non meno impegnativo.

Non a caso le notizie più originali di questa prima metà 2011 sono ‘targate’ Mini, Toyota e Ford.
A febbraio Mini ha lanciato un’iniziativa virale per festeggiare i suoi 50.000 fan su Facebook. Il virtuale abbraccia il reale (obiettivo stesso dell’iniziativa): il team marketing Mini incontra alcuni rappresentanti della community (selezionati con un‘applicazione Facebook e un casting) sul set ove insieme ‘recitano’ per le riprese di un video virale. Questa iniziativa era la prima di una lunga serie: ad aprile, infatti, si è svolto l’evento organizzato da Mini in occasione del Salone del Mobile di Milano, cui stanno seguendo e seguiranno per tutta l’estate (30 giugno-30 settembre 2011) alcune iniziative ‘locali’ e ‘nazionali’ in spiaggia, nelle piazze e su Facebook per il lancio della Mini Coupé. File rouge delle iniziative, il sito web Mini, dove le esperienze ‘vissute’ diventano ‘virtuali’.

Toyota non è da meno. A breve presenterà il suo Toyota Friend di cui si sa ancora poco. Si tratta di un private social network - gestito da Microsoft - che raccoglierà tutti coloro che acquisteranno una Toyota  elettrica o ibrida a partire dal 2012. Toyota Friend verrà testato dapprima in Giappone per poi ‘coinvolgere’ il resto del mondo. Legata a Facebook e a Twitter, questa iniziativa permetterà agli utenti di interagire con l’assistenza, ad esempio sarà possibile prenotare la revisione del veicolo direttamente dal proprio smartphone.

E dulcis in fundo, Ford, che per creare auto più intelligenti crea un’alleanza con Google. Il progetto di ricerca, che utilizza le API di Google Prevision, ha come obiettivo l’analisi del comportamento del conducente, per poterlo aiutare a guidare nel modo giusto e quindi a ottimizzare il consumo di carburante. Questo perché Ford vorrebbe un giorno costruire un sistema in grado di ottimizzare un percorso, e impostare automaticamente la rotta e le performance dell’auto.
Questa tecnologia si prevede che possa arrivare sul mercato nel 2015. Nel frattempo Google con il suo Google + probabilmente sarà leader ‘anche’ nei social network e chissà cosa ci si potrà ancora aspettare.

Angela D’Aprile



Redazione MyMarketing.Net
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MEDIA - 28/03/2011
I ‘trucchi‘ del sapere
MEDIA - 01/03/2011
Sky e il calcio più bello. Riflessioni post evento
FOCUS ON - 16/02/2011
Forum della Comunicazione Digitale 2011
BRANDING - 02/03/2011
Un Tram Lilla per riscoprire la tenerezza
FOCUS ON - 01/04/2014
Sant'Antonio si digitalizza
 
 

Business Video