Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
30/07/2011  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Connessione tra virtuale e reale - Speciale brand identity

Sky
Non c’è dubbio, secondo Pietro Rovatti, partner e direttore creativo area corporate di Lumen, che la tendenza più forte che stiamo vedendo in questo momento riguardi il mondo digitale. Oggi si tende a creare experience digitali molto forti e innovative.

Certo affinché queste siano efficaci, è fondamentale fare in modo che l’esperienza virtuale sia sempre in relazione con il mondo reale. “Questo aspetto di connessione virtuale-reale - precisa Rovatti - è molto importante per creare una brand experience che sia strategica sulla marca e non solo tattica. Spesso, però, vediamo esperienze virtuali molto innovative e d’impatto e poi attività sul punto vendita poco curate, vecchie e senza spessore, o viceversa, grandi eventi e siti web fermi a dieci anni fa. Questo è poco produttivo in termini di immagine di brand”.

Sugli strumenti da utilizzare non esiste una ricetta unica, valida per tutti. “Ogni progetto - spiega - utilizza, o dovrebbe utilizzare, strumenti propri, pensati per veicolare un contenuto nella sua unicità. Aldilà delle tendenze, il nostro ruolo di consulenti dovrebbe essere proprio quello di integrare modalità diverse, sviluppando soluzioni uniche, progetto dopo progetto”.

Purtroppo non sempre è così, sottolinea il responsabile area corporate di Lumen: “spesso le richieste sono proprio legate al trend del momento”. Ora va molto di moda la realtà aumentata, che però si adatta bene a pochi progetti. E poi sono sempre più richieste le app: “molto belle e utili - dice Rovatti - ma devono, come ogni cosa, avere un senso”.

Rovatti cita una case history innovativa curata dall’agenzia: la nuova brand guideline di Sky, che introduce una vera e propria rivoluzione nell’identità del brand. “Le guideline che realizziamo - illustra - possono contare su uno strumento particolarmente duttile, che abbiamo chiamato Lumen Guideline Tool. Si tratta di un software progettato ad hoc che ci permette di avere, a partire da un unico impaginato, la guideline stampata, la versione pdf e la versione flash perIntranet, che permette una facile navigazione e offre all’utente la possibilità di scaricare ogni singolo file cliccando direttamente sull’immagine”. Uno strumento di cui si avvarrà anche la prossima release delle Sky Guidelines.

L’intervento di brand architecture su Sky è stato ispirato dal rinnovamento dei marchi dei singoli canali, offline, online e on air, partito dal restyling del logo, costruito in UK, e culminato con l’applicazione della nuova identità sui mezzi della flotta del network. Un intervento completo ed efficiente, che ha fatto il paio con uno studio accurato delle regole di applicazione e una realizzazione dei materiali precisa.

“Il nuovo marchio - dice Rovatti - è opposto rispetto al precedente: laddove avevamo un brand in bold, maiuscolo e con angoli vivi, oggi abbiamo un marchio minuscolo, più leggero e con angoli stondati. Un’altra novità presentata in queste guideline è la scelta di un typeface creato ad hoc, in linea con l’identità principale. L’obiettivo era quello di far passare in maniera efficace e nel modo più immediato possibile il cambiamento”.

Il mondo digitale è senz’altro da praticare. Anche l’agenzia di Rovatti punta ad entrarci in modo sempre più profondo, sviluppando soprattutto la parte social. La brand experience, però, non deve rimanere mai solo virtuale. Il coinvolgimento dei sensi è essenziale. Dopo l’udito, Lumen punta all’olfatto e al gusto.

Mimma Scigliano



ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
BRANDING - 23/04/2011
Il tricolore esplode in adv
FOCUS ON - 20/02/2011
La cravatta fa l’uomo marketing
BRANDING - 12/06/2011
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
MEDIA - 01/03/2011
Sky e il calcio più bello. Riflessioni post evento
BRANDING - 23/04/2011
Coca-Cola vs Pepsi
 
 

Business Video