Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
15/12/2011  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook  versione inglese

Gli italiani e l’email: scene da un matrimonio (felice)

mondo
La posta elettronica? Ormai non possiamo più farne a meno, tanto che solo in Italia utilizziamo abitualmente 63 milioni di caselle, su cui riceviamo ogni giorno più di 700 milioni di email.

Lo rileva lo studio  effettuato anche quest’anno da ContactLab , per fotografare i cambiamenti in atto nei comportamenti degli utenti sul web in Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito: l’email gode di ottima salute, è sempre più mobile, spinge gli acquisti online e si scopre social.

Inbox sempre più affollate: tra gli scambi di email personali e professionali, nelle due caselle utilizzate abitualmente in media dagli intervistati, si inseriscono le newsletter a cui gli utenti sono iscritti. Ogni utente ne riceve in media 8, tanto che, nei cinque paesi oggetto dell’indagine, solo i francesi ci battono, con una media di 10 newsletter.

I dati raccontano che i temi a cui siamo più interessati sono viaggi, offerte di lavoro o novità e promozioni del settore bellezza. Gli utenti degli altri paesi si abbonano a newsletter che trattano gli stessi argomenti, anche se i francesi si dimostrano più interessati all’attualità e i tedeschi alle offerte della GDO.

Più della metà dei rispondenti al momento dell’iscrizione fornisce il proprio indirizzo di posta elettronica principale, anche se c’è chi (9%) dichiara di utilizzare un indirizzo creato appositamente per raccogliere tutte le newsletter a cui è registrato.

Ma che cosa succede quando l’utente perde interesse e non desidera più ricevere una determinata comunicazione?

Tre utenti su cinque si riconoscono nel comportamento di chi richiede la cancellazione del proprio indirizzo utilizzando il link di unsubscribe, mentre il 38% si ritiene d’accordo con la scelta di segnalare l’email indesiderata come spam.

Per quanto riguarda invece le modalità di consultazione della casella email, sembra quasi scontato ribadire il boom nella diffusione di smartphone e tablet: un utente su tre legge la posta da un dispositivo mobile. Impossibile quindi sottovalutare la portata di questo cambiamento nelle abitudini: la fruizione dei contenuti in tempo reale impone un’attenzione costante al timing di invio.

Particolarmente vero per il settore e-commerce, soprattutto considerando che quasi la metà degli utenti (42%) iscritti ad almeno una newsletter a cui è già capitato di acquistare online hanno completato un acquisto proprio partendo da un link presente all’interno di una newsletter. L’email ancora una volta si conferma sicuro driver di ROI.

E l’eterna sfida coi social network?

Nei cinque Paesi un utente su quattro ha condiviso almeno una volta con amici e conoscenti i contenuti di una newsletter: c’è chi l’ha fatto semplicemente inoltrando l’email, chi invece ha utilizzato la funzionalità “segnala a un amico” (6%). Non troppo alta la percentuale di chi ha condiviso sui social network (8% sul totale dei cinque paesi; sale a 11% in Italia).
Le motivazioni sono diverse: c’è chi preferisce non condividere messaggi promozionali, o chi non ha trovato contenuti interessanti da segnalare ai propri amici (20%), ma è interessante soprattutto notare che il 15% degli utenti dichiara di non sapere come fare. Strano a dirsi, considerato che più della metà di questi utenti ha meno di 45 anni.

“Bisogna facilitare il passaparola, offrendo strumenti automatici di condivisione – commenta Massimo Fubini, AD ContactLab - Non è così strano ripeterlo visto che l’8% dei rispondenti lamenta la mancanza nelle newsletter di bottoni per condividere i contenuti su Facebook o su Twitter. Vanno sfruttate le sinergie tra email e social network, favorendone l’integrazione. Ancora pochi utenti, per esempio, sanno che – se una fanpage lo prevede – è possibile iscriversi ad una newsletter tramite Facebook: fate in modo che i vostri contatti diventino vostri fan e che i vostri fan diventino nuovi iscritti alla vostra newsletter”.

European Email Marketing Consumer Report,

ContactLab: http://www.contactlab.com/email-marketing-report-europe



 
Email marketing in Europa - Infografica di ContactLab email marketing




Redazione MyMarketing.Net
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
FOCUS ON - 31/07/2014
Web, nel video advertising vince il modello televisivo
BRANDING - 23/09/2011
Social Net-iquette
MEDIA - 09/12/2011
Semiomarketing
BRANDING - 10/12/2011
Nasce il Caffè d’Italia Bialetti
FOCUS ON - 16/09/2011
Green marketing e responsabilita'
 
 

Business Video