Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
16/01/2012  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Come spendere meglio su Google Adwords

google circles
Chiunque si occupi di marketing digitale ha da tempo allocato un budget sulla pubblicità in Google; ultimamente avrà notato un incremento dei prezzi unitari (qui non c’entra il governo Monti o le accise sulla benzina) ed un affollamento sempre maggiore da parte degli inserzionisti. Personalmente stimo che i prezzi medi delle parole su Google aumenteranno in media del 40% nel 2012, con picchi del 100% per parole super affollate con alta competizione.

Per questo motivo, mentre salutiamo il 2011, è tempo di capire come spendere meglio il budget marketing 2012 su Google. Ecco 3 azioni per preservare il vostro potere di acquisto:

1) Usare le innovazioni (esempi email direttamente nella SERP): il colosso di Mountain view ha introdotto di recente una serie di innovazioni ad Adwords tra cui questa che mi sembra davvero ideale per la lead generation; Google introduce la funzionalità di inserire per gli utenti registrati l’indirizzo email automaticamente dentro gli annunci che appaiono nella SERP, come nella foto sotto. Queste pratiche per la generazione di lead sono ancora rare da noi (le ho osservate solo in USA per ora), ma non sarei sorpreso di vederle crescere molto nei prossimi mesi. L’innovazione è davvero forte, in quanto semplifica/velocizza il percorso di valutazione del consumatore e rende ancora più misurabile tutta l’azione di lead generation per l’azienda. Sono certo che saranno usate nella campagna per le presidenziali in USA. Usare queste nuove funzionalità adwords per primi mesi può certamente garantire una migliore efficienza dell’investimento 2012.

"" 

2) Selezionare chiavi più profilate: se avete un budget piccolo o se semplicemente spendete più del 30% sulle parole chiave composte da un solo termine, probabilmente è arrivato il momento di chiedere alla vostra agenzia pubblicitaria di razionalizzare la spesa introducendo una migliore selezione delle corrispondenze molto precisa (incluse negative) ed un filtraggio solo sulle chiavi più profilate (3 o più parole).

3) Introdurre il SEO: se il trend di aumento del costo degli spazi Google continua a crescere è opportuno trovare altri modi per presidiare la prima pagina sul motore di ricerca più famoso ed allora riecco il magico acronimo: SEO, ovvero posizionamento naturale senza pagare il motore di ricerca. Certo lo spazio competitivo nei risultati organici sarà molto battagliato ma il benefico del SEO sarà proporzionale all’aumento del CPC in Adwords. A dispetto dei suoi denigratori, il SEO su Google aumenterà! Intanto se stai valutando il SEO, scarica gratuitamente la Guida Pulsante Google +, offerta da MyMarketing)

Se ti piace l’articolo condividilo! Buon Marketing a tutti


Ale Agostini

Autore di “Trovare clienti con Google”- Hoepli

Seguimi su Twitter o Facebook



Brandforum
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
FOCUS ON - 20/02/2011
La cravatta fa l’uomo marketing
BRANDING - 12/06/2011
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
MEDIA - 01/03/2011
Sky e il calcio più bello. Riflessioni post evento
BRANDING - 23/04/2011
Coca-Cola vs Pepsi
FOCUS ON - 16/02/2011
Forum della Comunicazione Digitale 2011
 
 

Business Video