Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
03/02/2012  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Rugby: la meta è su Twitter

Non solo calcio, per gli appassionati sportivi europei. Una recente analisi di Lewis PR ci mostra infatti come anche il Rugby sia molto seguito in Europa, in particolare dal popolo digitale: alla vigilia dell'RBS 6 Nations sono moltissimi gli appassionati della palla ovale che seguono i loro beniamini su Twitter.

Guida la classifica dei rugbisti più seguiti l'ex capitano e British Lion Brian O'Driscoll con ben 135.000 seguaci; la stella irlandese purtroppo non parteciperà all'imminente torneo a causa di un infortunio. Con un distacco di oltre 40.000 'followers' troviamo la seconda linea francese Sebastien Chabal: il colosso transalpino, con ben 90.000 seguaci, scalza dal secondo gradino del podio un altro irlandese, Tommy Bowe (81.000). Nella lista dei 15 rugbisti europei più tweettati possiamo trovare ben sette atleti irlandesi, segno che la migliore gestione sui social network e siti nazionali è proprio quella del popolo del trifoglio, che si aggiudica di diritto la prima posizione anche in ambito nazionale. In ambito nazionale seguono Inghilterra e Galles: la prima può anche vantare nella classifica degli atleti  la presenza di ben cinque rugbisti, tra cui Danny Care, che salterà il l'RBS 6 Nations a causa di un richiamo ufficiale per guida in stato di ebbrezza, e Mike Tindall, al centro di uno scandalo lo scorso autunno durante la Coppa de Mondo tenutasi in Nuova Zelanda; Jamie Roberts e Sam Warburton sono i portabandiera gallesi, classificatisi rispettivamente settimo e tredicesimo. Fanalino di coda della classifica Lewis sulle nazionali è la Francia finalista mondiale, mentre troviamo Italia e Scozia rispettivamente in quarta e quinta posizione. Nel capitolo dei 'grandi assenti' c'è Jonny Wilkinson, storico mediano d'apertura inglese appena ritiratosi dalla scena internazionale, e del gallese Gavin Henson, noto anche in ambito televisivo; totale assenza, invece,  di atleti scozzesi e italiani.

"A seguito della nostra recente ricerca in Premiership e negli altri principali campionati calcistici europei, ci viene mostrato che il rugby ha ancora molta strada da fare per raggiungere il calcio. Ma non c'è dubbio: i migliori giocatori d'Europa stanno diventando sempre più impegnati con i fan attraverso i social media", sostiene Keith Beech di Lewis PR. "I social media hanno ridisegnato radicalmente il modo in cui le persone interagiscono con il mondo che li circonda, e questo è più che evidente nel campo dello sport", ha detto Dean Russell, direttore europeo Social Media di LEWIS. "Piattaforme come Facebook e Twitter hanno permesso a una nuova generazione di fan di connettersi con i loro idoli sportivi, e la nostra ricerca dimostra come anche il rugby stia cominciando a farlo".

SkySport, televisione ufficiale dell'evento ha creato un tab per commentare le partite in diretta http://www.facebook.com/SkySport?sk=app_323707527672593

Fabio Sarpa


ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MEDIA - 28/03/2011
I ‘trucchi‘ del sapere
MEDIA - 01/03/2011
Sky e il calcio più bello. Riflessioni post evento
BRANDING - 23/04/2011
Coca-Cola vs Pepsi
FOCUS ON - 16/02/2011
Forum della Comunicazione Digitale 2011
BRANDING - 02/03/2011
Un Tram Lilla per riscoprire la tenerezza
 
 

Business Video