Registrati | Login
  

Facebook Community Twitter LinkedIn Rss
FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
09/02/2012  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Lavoratori fedeli, più produttivi

people
La Society for Human Resource Management ha presentato un nuovo studio, di portata internazionale, su una tematica fondamentale del mondo del lavoro. Al centro dell'indagine è l'impatto del rapporto con la propria azienda sulla produttività e il conseguente attaccamento. L'indagine è finanziata dall'associazione americana, e coordinata da Veronica Hope Hailey della 'Cass Business School', City University di Londra, Elaine Farndale e Marc van Veldhoven della Tilburg University; e infine Clare Kelliher della Cranfield School of Management.

La società americana ha posto sotto la lente di ingrandimento le tipologie di coinvolgimento che ogni lavoratore può instaurare con l'azienda, distinguendone essenzialmente quattro.

Il 'coinvolgimento lavorativo', ad esempio, rende ogni lavoratore entusiasta del proprio impiego, anche se in questa categoria non vengono annoverati i lavoratori più indefessi. I lavoratori amanti della propria azienda, anche se non risultano i più produttivi, sono classificati come 'organizzativi', mentre un 'coinvolgimento comportamentale' esprime un'alta volontà di crescita professionale, oltreuna consistente presa d'iniziativa da parte del lavoratore, tuttavia manca quella fedeltà all'impresa distintiva per le prime due categorie. Infine, i lavoratori classificati sotto la voce 'coinvolgimento organizzativo-comportamentale' manifesterebbero una forte volontà della risoluzione dei problemi, ma comunque manca in essi un'alta opinione e soprattutto la fedeltà all'azienda di provenienza. Insomma, vige un rapporto di proporzionalità inversa tra produttività e attaccamento al lavor una sovrabbondanza della prima consterà inevitabilmente in una mancanza della seconda, e viceversa.

Nel rapporto SHRM sono state esaminate anche le aziende: in particolare, il mercato incide considerevolmente nel comportamento verso i propri impiegati. Laddove la società vive di un mercato molto competitivo con penuria di talenti, essa cercherà da parte dei dipendenti un coinvolgimento lavorativo e organizzativo, proprio secondo le categorie sopra riportate, per 'tenersi stretti' i propri dipendenti, suscitando una maggiore lealtà aziendale; per contro, è un 'coinvolgimento comportamentale' quello a cui aspirano le aziende in scenari meno competitivi, cercando invece nei dipendenti maggiori risultati e produttività.

 

Fabio Sarpa




Redazione MyMarketing.Net
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
FOCUS ON - 19/03/2011
Apprendisti fotografi in Africa
FOCUS ON - 23/04/2011
Una casa a 300 dollari
BRANDING - 27/02/2011
La sostenibilità ambientale diventa un progetto divertente
MANAGEMENT - 03/04/2011
La lista delle 500 PMI di successo
FOCUS ON - 19/03/2011
I sette vizi capitali del greenwashing
 
 

Business Video