Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
02/04/2012  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Fedeli o infedeli?

ragazze
Già il nome la dice lunga: Inside the Buy - Dentro agli acquisti. Questo è infatti il titolo dato all'indagine eseguita da AMP Agencies su un campione di consumatori di età compresa tra i 25 e i 49 anni che ha monitorato i percorsi digitali che inducono i moderni acquirenti all'acquisto, sia esso effettuato online oppure offline.

Lo studio si è focalizzato su cinque categorie merceologiche: i prodotti per l'infanzia, l'elettronica di consumo, cibi e bevande, salute e benessere e i prodotti del cosiddetto settore fashion.

L'indagine ha testimoniato un cambiamento della mentalità del cliente, che ha col tempo ridefinito il concetto di fedeltà al marchio. Tutto dovuto all'ampliarsi delle possibilità di acquisto tra cui il cliente si trova a scegliere.

Risultato? Soltanto il 3% dei consumatori si dichiara totalmente fedele ad un preciso marchio mentre il restante 97% è – apparentemente – disposto a prendere in considerazione anche altri marchi.

Quasi la metà degli intervistati – il 43% - ha detto di effettuare una ricerca prima di procedere ad un qualsiasi acquist il 64% di coloro che devono comprare prodotti di elettronica di consumo, il 44% se si tratta di acquistare un prodotto per l'infanzia e il 31%, in caso di prodotti per la salute e il benessere. La proporzione diventa di uno su quattro se si parla di prodotti alimentari o del settore fashion.

Sono gli uomini ad eseguire più spesso ricerche quando si parla di mettere mano al portafogli!

La quasi totalità del campione sostiene che tali ricerche sono in qualche modo andate a influenzare l'acquisto finale, mentre il 36% degli intervistati a dichiarato che, al termine delle ricerche, è stato effettuato l'acquisto di un prodotto diverso da quello deciso in origine.

Il mezzo migliore per effettuare le proprie ricerche risulta essere, come prevedibile, internet, seppur il 30% sostenga di non essere riuscito a trovare in rete le informazioni necessarie e il 4% lamenti di aver trovato fin troppe informazioni, che invece di aiutare l'acquisto lo hanno reso più difficile.

Quasi pareggio tra i più tecnologici – 47% - che visitano il sito web del produttore prima di procedere all'acquisto e coloro che invece – 46% - preferiscono visitare di persona un negozio del brand.

I tre quarti si sono mostrati molto riflessivi, dicendo di aver dedicato qualche giorno alle ricerche, il 24% meno di un giorno e il 2%, i più decisi, ha sostenuto di effettuare i propri acquisti su due piedi, senza pensarci molto su.

Uno studio con un grande valore marketing che delinea comportamenti di acquisto e la figura del cliente modern un cliente dalla mentalità più aperta che ha senza dubbio ridefinito il concetto di fedeltà!

Matteo Brambilla


AMP Agencies:

http://www.ampagency.com/

“Inside the Buy”:

http://www.ampagency.com/wp-content/uploads/pdfs/InsideTheBuy.pdf





Redazione MyMarketing.Net
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
BRANDING - 02/10/2012
Le lasagne preferite da Garfield
INTERNATIONAL - 04/02/2014
Food&Wine: 100Ita alla conquista del mercato cinese
BRANDING - 02/09/2015
Dal McWhopper al Peace Day Burger
MEDIA - 15/12/2015
Native advertising: controlla l’efficacia delle campagne native prima di mettere l’out of office
MEDIA - 29/10/2011
Più soldi, meno privacy
 
 

Business Video