Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
03/05/2012  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

La stampa italiana ai tempi di Facebook

Dopo l'iniziale e reciproca diffidenza, non passa giorno che le testate del globo si lancino in sperticati elogi delle nuove frontiere del social networking. Facebook in testa. Rivoluzione copernicana nel malmestoso orizzonte monodimensionale della comunicazione urbi et orbi. Ogni bacheca al pari del pulpito di Hyde Park per spargere ai quattro venti digitali ogni nostra scoperta nel mare magnum della Rete. E i mediasauri hanno capito e presto hanno fatto retromarcia, se il social journalism è ancora considerato una moda passeggera, buona per diffondere pettegolezzi in stereofonia il potere virale del social sharing è glorificato. Porta d'accesso alle blasonate testate di qua e al di là dell'Oceano. Un articolo colpisce nel segno quando i suoi stessi lettori lo condividono su facebook creando un vorticoso effetto valanga che fa il pieno di clic. Ed ecco la fuga su facebook con applicazioni dedicate, social reader creati ad hoc dalle teste d'uovo dell'R&D. Classifiche con nessuna valenza statistica che certificano che a stravincere son sempre le notizie farlocche e la caccia con forconi in mano. Uno spaccato variopinto che incorona nuovi player del settore, come Giornalettismo.com, finito di recente nell'orbita Banzai. Sommando le condivisioni sulla bacheca, emerge che i lettori di quotidiani – sempre che di lettura si tratti e non di indolore clic sul 'condividi' – siano aumentati al pari dell'aumento stratosferico dell'esercito di social-dipendenti, incapaci di staccare la spina dal flusso ininterrotto di aggiornamenti in un'orgia di stimoli che amplifica ogni multitasking possibile. La fotografia che emerge dall'ultima indagine BlogMeter che ha analizzato  il comportamento social di 161 testate cartacee conferma che Repubblica.it è  il quotidiano più letto e condiviso nella giornata media, quella che ha il picco d'interazioni tra le 17 e le 18, l'ultima e più lunga ora della vita d'ufficio, quando la lancetta s'inchioda e il tempo si dilata come nei quadri di Dalì. Giovedì è il giorno prediletto, la domenica si continua forse a preferire i vecchi giornali fatti di carta, inchiostro e paginoni culturali da leggere sonnecchiando comodamente in poltrona.

Più della metà delle testate oggetto dell'analisi hanno una pagina ufficiale su facebook, ben il 63%, qui i quotidiani fanno la parte del leone con l'88% che ha attivato una fan page, mentre i settimanali e i mensili sono il fanalino di coda, rispettivamente il 48% e il 51%. Due milioni le interazioni tra lettori e pagine in un solo mese, dal 20 marzo al 18 aprile. A capitanare la classifica Repubblica e il Fatto Quotidiano che spiccano anche per capacità di coinvolgere i propri agguerriti lettori. Maggiore numero di fan non significa altrettanta interazione, come dimostrano il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport, rispettivamente 688mila e 481mila fan ma poco reattivi. Leggo, il free press che si definisce social sin dalla nuova testata, ne ha molti di meno ma molto più partecipi.
Internazionale guida la classifica dei settimanali per numero di fan, secondo gradino del podio per Donna Moderna seguita da Vanity Fair, Grazia e L'Espresso. Se invece si guarda con la lente delle interazioni, a stravincere è inaspettatamente Confidenze tra amiche – nomen omen? - seguito da una corazzata del calibro dell'Espresso.

Tra i mensili a primeggiare è Vogue Italia che guida la classifica con Repubblica XL per quanto riguarda la fanbase, il mensile del gruppo editoriale di De Benedetto dedicato alla musica guida invece la classifica delle interazioni, seguito da Vogue e focus. AltroConsumo è il più abile a stimolare reazioni per singola news. i mensili con la base fan più attiva sono Psychologies Italia (per ogni 100 fan genera 44 interazioni), Le Scienze (43), Guerin Sportivo (41) che però hanno meno di 10.000 fan, e ancora La Repubblica XL (41).


Antonino Pintacuda

In allegato la ricerca completa


Redazione MyMarketing.Net
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MEDIA - 06/02/2009
Edilportale Marketing Awards 2009
MEDIA - 28/03/2011
I ‘trucchi‘ del sapere
MEDIA - 01/03/2011
Sky e il calcio più bello. Riflessioni post evento
MEDIA - 08/10/2010
Affermare la Marca sui Mercati Esteri: quando il SEO (posizionamento sui motori di ricerca) aiuta il “branding online”
MEDIA - 13/11/2010
Comunicato stampa visibile su Google? 5 facili trucchi a costo zero!
 
 

Business Video