Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
21/05/2012  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

A tutta birra

birra
Spira vento di novità nel dorato mondo della birra, bevanda che vive una continua giovinezza, bevuta e apprezzata sin dai tempi dell'Antica Mesopotamia. Tre etichette si rifanno il look per essere sempre al passo con i tempi, sempre in bilico tra innovazione e rispetto di una collaudata tradizione.

Dreher si presenta con una nuova immagine visuale che fa leva sulla leggerezza, privilegiando i colori storici e la firma del fondatore Franz Anton Dreher, lo racconta Gianni Tozzi, Chief Creative Director di FutureBrand che ne ha curato il restyling: “Il progettoè stato molto appassionante, come sempre quando si mette mano a un brand popolare e amatissimo come questo – spiega - L’obiettivo era dare un’immagine più attuale ai prodotti Dreher, senza privarli del loro vissuto storico. Dreher, infatti, è la più antica lager del mondo, risalendo addirittura al 1773”. Un logo più moderno nel solco della tradizione: “Abbiamo ovviamente rispettato il posizionamento strategico della marca, basato sulla leggerezza”, prosegue Tozzi, “scegliendo di coniugarlo con alcuni tocchi, quali l’oro e l’argento nelle etichette e la firma di Franz Anton Dreher a rilievo sul collo della bottiglia per aumentare la percezione di qualità del prodotto. Sul fronte della comunicazione tra brand e consumatore abbiamo migliorato la leggibilità del logo, a cui è stato aggiunto anche un descriptor.” Fondamentale la scelta dei colori: “abbiamo scelto una nuance decisa di rosso, un codice cromatico di carattere che aumenta l’impatto e la riconoscibilità di Dreher, aiutato dal bicchiere da birra dalla forma caratteristica, vera icona della freschezza di Dreher, che appare ora anche sui cluster e sulle valigette”. Un risultato che presenta un’immagine di Dreher “al passo con i tempi, senza aver perso però il suo legame con una tradizione pluricentenaria. Con in più un totale coerenza su tutti i materiali attraverso cui la marca comunica: bottiglie, lattine, packaging, materiali pop, stampati”.

Anche l'olandese Bavaria si presenta con una rinnovata visual identity per spostare il brand da value for money a premium, valorizzando così il prodotto e rafforzando la riconoscibilità del marchio.
Un restyling totale che ha dato origine alla Bavaria Premium “Blue Generation”, caratterizzata da una bottiglia blu snella ed elegante colore. Un colore che è tutto un programma di freschezza e modernità che vuole differenziarsi da un settore in cui domina incontrastato il verde. Grande la cura anche dei dettagli, sull’etichetta e sui tappi della nuova bottiglia spicca l’icona del nuovo corso Bavaria: una bussola a forma di triangol con l’ago che punta a Sud, per rimarcare graficamente l’indipendenza del brand che segue la propria strada senza compromessi. E cambia anche la forma della bottiglia che ora è caratterizzata dal collo triangolare che simboleggia sia i tre fratelli Swinkels che fondarono l’azienda, sia i tre ingredienti chiave della produzione: malto, luppolo e acqua.
 “Vogliamo porci in modo innovativo e sorprendente sul mercato, in modo da arricchire il brand di un’immagine nuova, fresca e moderna ampliando il target di consumatori” dichiara Luca De Zen, Amministratore Delegato di Bavaria Italia. L'obittivo è conquistare la fetta di mercato tra i 24 e i 45 anni, gli 'young at heart'. Ad accompagnare la nuova visual identity una ricca campagna di comunicazione integrata che debutterà  a giugno e punterà su affissioni, comunicazione digitale e attività di brand activation sul territorio” spiega Roberta Gambino, Direttore Marketing di Bavaria Italia, “oltre ad iniziative mirate ad ampliare la visibilità del prodotto sul punto vendita”.

La scozzese Tennent's punta invece sui tre guerrieri forieri di 'autenticità, forza, valore, equilibrio e abilità'. Tre birre supportate da una strategia di comunicazione che ha il suo quartier generale sui social network e fa leva sui valori distintivi del brand sul mercato italiano individuati da una ricerca Demoskopea. La campagna è firmata dall’agenzia BBJ che ha ideato il concept dei guerrieri scozzesi e l'ha declinata in una strategia crossmediale. Ad arepo comunicazione è stato affidato l’ufficio stampa e all’agenzia G2 la realizzazione dei materiali BTL.

Antonino Pintacuda


Redazione MyMarketing.Net
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MANAGEMENT - 07/11/2012
Kotler: 'L'Italia ha dimenticato il marketing'
FOCUS ON - 29/03/2011
La patente si prende su Facebook
INTERNATIONAL - 16/02/2011
Schmidt: il futuro è la tecnologia mobile
INTERNATIONAL - 11/01/2013
Fabriano conquista la Cina
FOCUS ON - 28/03/2011
Il mercato si sposta online
 
 

Business Video