Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
01/06/2012  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Il marketing musicale

Sembra essere ormai vicina l' età della pensione dei nostri cari Compact Disc. Lo scaricamento (legale e illegale) di brani digitali sta infatti assistendo a una crescita vertiginosa, e conseguentemente il mercato dei supporti musicali fissi sta subendo una netta flessione. A questo nuovo scorcio di mercato si accompagna quindi un cambio di rotta da parte della agenzie di marketing e comunicazione, che trovano sempre più nel web una risposta viva e un mercato solido. Il nuovo accordo da parte di Kiver Digital con YouTube ne è una prova lampante: la sezione digitale del gruppo Kiver sigla una partnership con il più famoso sito di videosharing al mondo, dando così risalto internazionale alle etichette e agli artisti (tra cui Fedez e i Finley) che hanno scelto il gruppo. L'accordo permette ai partner di Kiver Digital una maggiore visibilità grazie al costante e completo supporto e monitoraggio di gestione, distribuzione e monetizzazione dei contenuti.

Il Ceo del gruppo Kiver Gianluca Perrelli spiega a MyMarketing.Net i dettagli di questa operazione.

Com'è nata lavostra partnership con YouTube?

In qualità di music provider e di aggregatori, Kiver Digital si pone l’obiettivo di intercettare tutte le opportunità di business offerti dalla rete e dal consumo di contenuti digitali nell’ottica di poter incrementare il revenue stream per etichette, artisti e band. Lo streaming adv based dei contenuti video su YouTube è tra i primi fattori di crescita del mercato della musica digitale poiché la piattaforma di video sharing offre ai discografici l’opportunità di monetizzare concretamente il passaggio dei video dei propri artisti. Kiver Digital interviene in questo 'ecosistema' con attività di valorizzazione dei contenuti delle etichette partner presenti su YouTube.

Come agirà Kiver Digital sul canale di videosharing e quali servizi offrirà tramite questa collaborazione?

Kiver Digital si occuperà della valorizzazione dei contenuti audiovideo attraverso iniziative di marketing e un presidio costante sulla gestione, ottimizzazione e monitoraggio dei contenuti dei nostri partner, ad oggi 5000 artisti e decine di etichette discografiche. Kiver Digital darà quindi impulso all’ecosistema di cui parlavo poco fa: noi ottimizziamo i video affinché abbiano più views e riescano a raggiungere un’audience più allargata possibile.

Che vantaggi porterà la partnership alle vostre altre collaborazioni?

Lo streaming dei canali di YouTube è in costante crescita e dimostra quindi che, di fronte ad un’offerta di valore, il nuovo consumatore di musica è ben predisposto a confrontarsi con diversi modelli di consumo. Pertanto la presenza in rete è ormai imprescindibile per l’artista di un’etichetta, ma è importante saper presidiare il web nel modo giusto: bisogna essere capaci di arrivare all’attenzione di questi nuovi consumatori. Il nostro lavoro permetterà di incrementare le visualizzazioni del video di un cantante e di una band e questo, al termine del ciclo di fruizione del contenuto, significa di conseguenza più revenues per tutte le parti coinvolte.

Fabio Sarpa


ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MANAGEMENT - 07/11/2012
Kotler: 'L'Italia ha dimenticato il marketing'
MANAGEMENT - 19/01/2016
La Business Mobility nel mondo
MANAGEMENT - 10/02/2011
Customer Equity, ma attenti alla competizione
MANAGEMENT - 18/01/2016
Il futuro dell‘ecommerce
MANAGEMENT - 12/07/2010
Il web 2.0 non convince i marketing manager
 
 

Business Video