Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
01/04/2009  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

L’onda anomala. Interagire e collaborare con i consumatori ribelli

 

Viviamo in un’epoca in cui bisogna necessariamente riuscire a convivere con le nuove tecnologie. Tra queste ovviamente internet la fa da padrone. Le imprese, hanno dovuto adattarsi e modificare le proprie strategie e le proprie filosofie in questa nuova relazione instauratasi con il web. Una relazione un po’ forzata nei primi tempi con le aziende costrette a doversi difendere da consumatori un po’ troppo attenti o addirittura un po’ sopra le righe e che attentavano alla buona reputazione di una società. I blog, i forum, i social network, tanti strumenti alla portata di tutti, semplici da usare e potenzialmente distruttivi. Questa è ‘l’onda anomala’, da cui prende il nome il libro di Charlene Li e Josh Bernoff. L’uno esperto di web 2.0 mentre l’altro di tecniche per comprendere come le persone utilizzano e sfruttano le tecnologie a loro disposizione.
Internet è divenuto nel breve periodo un mezzo tanto potente quanto efficace per aumentare la visibilità del marchio aziendale e accrescere le entrate da un punto di vista economico. Un mezzo necessario per le imprese che hanno dovuto affrontare dei percorsi di aggiornamenti e di svecchiamento per restare al passo con i tempi. L’evoluzione costante delle tecnologie non è altro che il frutto delle accresciute esigenze della gente che hanno bisogno di confrontarsi con altre persone, di protestare. Hanno la possibilità di avere degli spazi liberi, gratuiti e aperti a tutti dove poter esprimere le loro opinioni sugli argomenti più disparati. I forum e i blog, per fare un esempio, sono strumenti presenti su ogni sito internet, da quello specializzato in economia a quello che offre informazioni sul mondo della moda. I sondaggi di opinione sono un must in rete; non c’è notizia che non sia corredata da uno spazio dove poter commentare o dare un voto a questa o quella iniziativa. Le imprese quindi sono sotto una grossa lente d’ingrandimento dal momento che in qualunque istante potrebbero esserci delle persone che parlano di loro. Magari per alcune imprese la filosofia potrebbe essere ‘bene o male purché se ne parli’, ma davanti ad uno strumento come internet questo motto verrebbe a decadere. La connessione è disponibile in ogni luogo e a velocità moltiplicate rispetto al passato. Inoltre internet è divenuto uno strumento immediato, d’altronde è proprio questa la caratteristica vincente di Msn o Facebook, che fanno dell’immediatezza il loro punto di forza. Tutto questo rappresenta un’onda anomala che potrebbe travolgervi e portarvi alla deriva, o se usato con arguzia e intelligenza la si potrebbe cavalcare per raggiungere nel breve tempo un insperato successo.
Il libro si propone di indicare le strade da percorrere illustrando casi di studio esemplificativi.

Gianpiero Romanazzi



ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MEDIA - 06/02/2009
Edilportale Marketing Awards 2009
MEDIA - 28/03/2011
I ‘trucchi‘ del sapere
MEDIA - 01/03/2011
Sky e il calcio più bello. Riflessioni post evento
MEDIA - 08/10/2010
Affermare la Marca sui Mercati Esteri: quando il SEO (posizionamento sui motori di ricerca) aiuta il “branding online”
MEDIA - 13/11/2010
Comunicato stampa visibile su Google? 5 facili trucchi a costo zero!
 
 

Business Video