Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
12/07/2012  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Brands e Social Media

Chi non possiede, al giorno d'oggi, un profilo Facebook o Twitter? C'è ancora qualcuno che non utilizza almeno un membro della numerosissima famiglia dei social network? Praticamente nessuno. E lo prova il fatto che tantissimi recenti studi si inseguono per cercare di capire come persone e aziende famose si comportino nel mondo social. Un 'New Media' che, oramai, sta diventando sempre più protagonista nella vita di ognuno, per la presentazione di se stessi, delle proprie campagne e dei propri prodotti. L'ultimo studio condotto da OssCom, centro di ricerca sui media dell’Università Cattolica, e Digital PR, agenzia di consulenza e strategie di comunicazione online, analizza il comportamento sui social più diffusi da parte dei colossi energitici e di telecomunicazione.

Dalla ricerca 'Brands & Social Media. Osservatorio su 100 aziende e la comunicazione sui social media in Italia' svolta su aprile di quest'anno emerge, sorprendentemente, che il social media preferito dalle aziende analizzate è YouTube. Un vero e proprio archivio di spot pubblicitari, repository di prodotti video di manifestazione ed eventi del prodotto. Seguono, come social più utilizzati, Twitter (utilizzato soprattutto come spazio per un customer care online) e Facebook (utilizzato per presentare prodotti, notizie ed eventi): tra le 18 aziende che possiedono almeno un profilo su un social network, 15 hanno un canale YouTube, 13 un profilo Twitter e 11 uno Facebook. Anche i blog presenti: tre le aziende che ne possiedono uno.

“Abbiamo unito in questo settore due servizi centrali nelle utenze domestiche, ovvero l’energia e le telecomunicazioni. Si tratta di due anime che si muovono diversamente sui social media: le compagnie di telecomunicazioni si trovano evidentemente a proprio agio e sanno ingaggiare un dialogo attivo e costante sui propri profili, mentre fra le aziende fornitrici di servizi energetici alcune si presentano molto attive, come Enel ed Eni, e altre mostrano di essere ancora in una fase di comprensione delle logiche di questi spazi di comunicazione. Emerge in maniera molto forte, inoltre, una differenziazione funzionale dei profili: Facebook è il luogo dove presentare l’offerta commerciale ma soprattutto l’azienda, Twitter ospita il customer service e amplifica le notizie provenienti da altri media mentre YouTube è la repository dei video” commenta Fausto Colombo, direttore di OssCom.

Guida la classifica, stilata in base a presenza, continuità nella gestione e differenziazione, Vodafone Italia: a seguire, sul podio, altre due realtà realtà della telecomunicazione, TIM e 3Italia (anche Wind al quinto posto). Enel, Sorgenia ed Edison le tre maggiori realtà social dell'energia, che occupano rispettivamente il quarto, il settimo e il nono posto. Enel, prima della classe dei colossi dell'energia, punta invece sulla presentazione delle proprie attività e delle proprie iniziative, dando un'impronta più social alle proprie attività virtuali. La lotta dei tweet è stata vinta da 3Italia, con una media di 68,8 tweet giornalieri; Enel aggiunge, ogni mese, 23 video, Vodafone ottiene una media di 19,5 commenti per post. Quest'ultima può infatti vantare1.119.338 fan sul social in blu, Tim conta invece 226.765 followers.

“In questa nostra ultima rilevazione, che chiude la prima panoramica sulle 100 aziende e social media in Italia, appaiono sì due anime diverse – dichiara Nicolò Michetti, amministratore delegato di Digital PR - ma si conferma una volta in più che a fare la differenza non sono soltanto il settore di appartenenza o il tema trattato, ma è il giusto approccio. Le aziende che hanno più successo sono quelle che strutturano la propria presenza con piani di lungo termine (risorse, contenuti, procedure, obiettivi), che hanno voglia di sperimentare e che sanno non solo comunicare ai propri utenti ma soprattutto ascoltarli, coinvolgendoli così davvero nella propria storia e nei propri processi.”


Fabio Sarpa


ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MEDIA - 28/03/2011
I ‘trucchi‘ del sapere
MEDIA - 01/03/2011
Sky e il calcio più bello. Riflessioni post evento
FOCUS ON - 16/02/2011
Forum della Comunicazione Digitale 2011
BRANDING - 02/03/2011
Un Tram Lilla per riscoprire la tenerezza
BRANDING - 25/05/2011
Guerrilla Marketing, a volte ritornano
 
 

Business Video