Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
01/07/2009  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook  versione inglese

Sant’Anna Bio Bottle dalla fonte alla tavola con un packaging tutto bio

Pura, leggera, di montagna, da sempre sinonimo di freschezza, di natura incontaminata e di acqua che arriva a tavola come appena sgorgata dalla fonte. E adesso anche superecologica: è infatti la prima, in Europa, ad essere distribuita in una bottiglia di plastica che non inquina, biodegradabile al 100 per cento, che si decompone in 80 giorni senza lasciare tracce.

La "bio-bottiglia" è l’ultima novità di un brand che in poco più di dieci anni di attività è diventato un leader a livello nazionale distinguendosi per l’intraprendenza, la propensione alla sperimentazione e il modo innovativo di produrre, distribuire e comunicare (è stato il primo del settore a servirsi della pubblicità comparativa), fino a diventare un modello studiato ed ammirato dai manager delle più grandi multinazionali.
Sensibile alle tematiche ambientali, convinta che la rivoluzione eco-sostenibile possa cominciare dai prodotti di largo consumo, con Sant’Anna BioBottle la Fonti di Vinadio Spa si lancia alla conquista di un nuovo mercato garantendo performance di prodotto identiche alle tradizionali plastiche. Inoltre Sant’Anna Bio Bottle Ingeo™ visto che non deriva dal petrolio, non rilascia acetaldeide e garantisce come le bottiglie in vetro l’assenza di interazioni con il prodotto ma conservando la grandissima praticità e maneggevolezza della plastica.
 
La nuova Sant’Anna BioBottle, la prima bottiglia al mondo di acqua minerale nel formato 1,5 litri con packaging naturale in bioplastica Ingeo™, materiale che si ricava dalle piante anziché dal petrolio, permette importanti risparmi energetici e riduce l’inquinamento contribuendo all’abbattimento delle emissioni di anidride carbonica, causa principale dell’effetto serra.
 
In cifre, 650 milioni di bottiglie Sant’Anna Bio Bottle consentono un risparmio di 176.800 barili di petrolio, la stessa quantità che serve a riscaldare per un mese una città di 520.000 abitanti, e riducono le emissioni di anidride carbonica pari a un’auto che compia il giro del mondo per 30.082 volte in un anno.
 
La Fonti di Vinadio Spa, che imbottiglia e commercializza l’acqua minerale Sant’Anna, nasce nel 1996 per opera di Alberto Bertone, titolare e presidente dell’Azienda. Capacità imprenditoriale, tenacia e lungimiranza della famiglia Bertone, uniti alle alte potenzialità dell’acqua che sgorga dalle montagne che sovrastano Vinadio, nel cuore delle Alpi Marittime, hanno reso il brand il leader assoluto di un mercato dominato dalle multinazionali.
 
A confermare la leadership del marchio sono i numeri: in uno stabilimento all’avanguardia di 50 mila metri quadri progettato e costruito nel rispetto delle forme e dei materiali, creando il minimo impatto ambientale, vengono prodotte ogni ora 310 mila bottiglie, per un totale di oltre 7 milioni di bottiglie al giorno, che nel 2007, a fronte di 650 milioni di bottiglie vendute, hanno prodotto un fatturato di 150 milioni di Euro.
Il grande successo di vendite raggiunto si fonda principalmente sulle qualità intrinseche dell’acqua della sorgente, che per le sue straordinarie caratteristiche organolettiche ha ricevuto l’autorizzazione per l’alimentazione dei neonati e per le diete iposodiche.
 
Le prime documentazioni storiche che esaltano le sorgenti della valle risalgono al Cinquecento, Allora migliaia di pellegrini provenienti da ogni dove salivano ogni anno al santuario di Sant’Anna, la protettrice delle mamme da cui l’acqua prodotta da Fonti di Vinadio Spa prende il nome, attratti dalle straordinarie proprietà terapeutiche e purificanti di quest’acqua.
 
Oggi come allora dove sgorga Sant’Anna non ci sono insediamenti industriali, né campi coltivati e nemmeno pascoli. E’ per questo motivo che Alberto Bertone ha voluto portare quest’acqua sulla tavola di tutti gli Italiani.
 
L’acqua della sorgente è costantemente sottoposta a controllo chimico-batteriologico e il processo produttivo è garantito per igiene e sicurezza da impianti di imbottigliamento all’avanguardia sottoposti ad aggiornamento continuo mediante le tecnologie più moderne presenti sul mercato.


Superbrands
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
BRANDING - 23/04/2011
Il tricolore esplode in adv
BRANDING - 12/06/2011
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
BRANDING - 23/04/2011
Coca-Cola vs Pepsi
BRANDING - 29/05/2011
Fiat 500 by Gucci
BRANDING - 06/09/2010
Fiberceutic di L’Oréal Professionnel
 
 

Business Video