Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
01/12/2009  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Face to Facebook

 
Centiquaranta partecipanti hanno seguito attentamente la full immersion durata 8 ore sul social network del momento.
7 sono stati i relatori che hanno condiviso studi, esperienze e case histories, e che hanno dato consigli pratici per migliorare l’utilizzo del social network, in ottica relazionale e commerciale.
Tutti sono d’accordo sul fatto che il social marketing sia lo strumento del presente e del futuro, imprescindibile per qualsiasi realtà imprenditoriale.
 
Con molto interesse è stato seguito dai partecipanti l’intervento di Luca Conti, che tra le altre cose è l’autore del libro ‘Fenomeno Facebook’. Ha posto l’attenzione sulle buone pratiche da seguire sui social network, in quanto questi mettono a disposizione una serie di variegate attività. Non esiste una ricetta che garantisce successo piuttosto valgono le regole del ‘buonsenso, rispetto dell’utente, qualità e valore dei contenuti e creatività’. In questo contesto Luca Conti ha esposto alla platea una serie di casi di successo di aziende a livello mondiale, in particolar modo aziende d’oltreoceano che si sono contraddistinte su Facebook. In Italia l’unico caso di buon utilizzo è da attribuire al gruppo Fiat che tra i vantaggi che offre ai Fan, propone anche un live blogging delle gare di MotoGp in qualità di main sponsor della Yamaha del pluricampione Valentino Rossi.
 
Molto applaudito e coinvolgente l’intervento di Robin Good, autore, editore online ed esperto di comunicazione dei new media, che si è prodigato in un piccolo one man show elencando i suoi dieci comandamenti per un uso intelligente delle piattaforme social. Da ricordare sicuramente il consiglio di monitorare sempre le conversazioni e di intervenire lì dove possa risultare necessario. Non sempre è indispensabile intervenire, considerando che una grossa qualità è saper ascoltare gli altri. O ancora la sua visione futura degli eventi dove saranno i probabili partecipanti a scegliere i relatori solo dopo averne accettato i contenuti degli interventi. Non più un utente passivo, ma più che mai attivo e decisivo per le scelte di un’azienda.
 
Al termine dell’intervento di Robin Godd, in un ambiente divertito e rilassato è toccato a Tin Hang Liu, community manager di Seolab, esporre il proprio punto di vista, avvalendosi inizialmente di alcuni video che tracciavano il percorso seguito da internet ponendolo in confronto con gli altri strumenti di comunicazione quali tv, giornali e radio. 
Tin ha parlato di una Social Media Revolution, i media tradizionali sono superati e hanno un calo di fiducia dell’utente online, stiamo vivendo la rivoluzione dell’informazione amplificata dai social media.
Facebook è il social network più forte del momento ma non ha inventato l’acqua calda, è stata solo un’ottima scelta di integrazione. Ha assorbito gli utenti che si scambiano email, sms, video, foto, discussioni in un’unica piattaforma.
I motivi per i quali tutti usano Facebook sono da ricercare nella Teoria dei 6 bisogni di Anthony Robbins: sicurezza, varietà, importanza, amore, crescita, contributo. Occorre analizzare e interpretare questi bisogni in relazione ai social media per fare una comunicazione efficace.
Tin ha inoltre dato moltissimi consigli pratici partendo dall’analisi delle tre tipologie di account su Facebook (profilo, gruppo, pagina), l’importanza delle applicazioni virali, le regole principali per costruire e comunicare con la propria community, la connessione del proprio sito web con Facebook e i consigli per un Web advertising targhettizzato.  

Michal Gawel, invece, Seo Evangelist di Seolab ha parlato della sua interpretazione di internet, come di uno spazio infinito verso la realtà finita. E poi una rivelazione illuminante... la valenza SEO di Facebook. I social network crescono più rapidamente che il business di motori di ricerca. Le persone proporzionalmente passano sempre più tempo su Facebook che su Google. Conclusione? L’azienda deve investire su più canali: Search, Mail, ma anche Social Network. Uno motivo in più per essere presenti nei social Network: più sei popolare su Facebook e citato su Twitter più probabile che un giorno ti svegli vedendo il tuo sito come primo nei risultati del motore di ricerca.
 
Molto interessante anche l’intervento di Francesco Nazari Fusetti, ragazzo poco più che ventenne che grazie ad un’idea innovativa e grazie ad internet è riuscito ad imporsi e a finire sulle pagine dei più importanti quotidiani. Per intenderci è il creatore e fondatore del fenomeno Scuolazoo, il sito dove vengono raccolti i video goliardici di tutti gli studenti italiani. In prospettiva può contare su stime di crescita importanti ma che già ad oggi hanno dato risultati insperati.
 
Infine Andrea Ferri, leader dell’ On Line Community presso Vodafone Italia. Il sito di Vodafone Lab è quanto di più semplice e chiaro esista, un posto dove vengono raggruppati i post di tutti i social media nei quali Vodafone è presente (blog, forum, wiki, etc), eppure forse per questa semplicità e immediatezza che risulta geniale e riesce a intrattenere migliaia di fan. La peculiarità della comunicazione sui social media è di essere bidirezionale, permette di ascoltare e farsi ascoltare dai propri utenti, a costo talvolta di raccogliere forti critiche, come quelle suscitate dal limite di 600 mb di download mensile per l’Iphone di Vodafone.  
 
 
Tutti coloro che non hanno partecipato e vogliono scrivere la loro opinione sull’argomento possono cliccare qui http://www.facebook.com/seolab e potranno entrare nella community di ‘Face to Facebook’. L’incontro è ovviamente virtuale e su Facebook!
 
Visualizza le presentazioni di:

Gianpiero Romanazzi



ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MEDIA - 06/02/2009
Edilportale Marketing Awards 2009
MEDIA - 28/03/2011
I ‘trucchi‘ del sapere
MEDIA - 01/03/2011
Sky e il calcio più bello. Riflessioni post evento
MEDIA - 08/10/2010
Affermare la Marca sui Mercati Esteri: quando il SEO (posizionamento sui motori di ricerca) aiuta il “branding online”
MEDIA - 13/11/2010
Comunicato stampa visibile su Google? 5 facili trucchi a costo zero!
 
 

Business Video