Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
10/02/2009  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

La strategia Facebook

Cinque anni: questo il tempo in cui Facebook è nato e si è affermato, portando Mark Zuckerberg ad essere tra gli uomini più ricchi e famosi. Oggi Facebook vanta dati invidiabili.

La community Facebook ha raggiunto i 150 milioni di utenti attivi. Ogni utente ha in media 120 "amici". Giornalmente vengono spesi 3 miliardi di minuti sul network e si registrano 15 milioni di cambiamenti di status. Ogni mese sono caricate 850 milioni di nuove fotografie.

Il successo di Facebook nasce e sfrutta il desiderio di creare relazioni ed interazione tra le persone e probabilmente ha rappresentato l’idea giusta al momento giusto.

Il progetto, infatti, è nato in un momento di vuoto, dopo l’avvento e l’iniziale declino dei blog, quando c’era la voglia di novità e si iniziava a parlare di social network, anche se erano in pochi a sperimentarne realmente l’uso.

Dopo aver parlato diffusamente dei social network si è cominciato ad usare questi nuovi strumenti, soprattutto Facebook. In massa ci si è iscritti su questa piattaforma per cercare vecchi amici. La community ha iniziato a crescere a ritmi esponenziali, diventando presto un esempio di successo che ha rari precedenti nella storia della Rete e non solo.

Oggi che l’originaria bacheca di studenti è diventata un immenso bacino di dati e gruppi di interesse, l’azienda punta a monetizzare questa enorme mole di informazioni. Impegnati da più di un anno nella ricerca del modo migliore per dare valore agli elevati volumi di traffico, i responsabili di Facebbok hanno messo a punto un nuovo sistema. L’obiettivo è offrire alle aziende la possibilità di condurre ricerche di marketing in tempo reale sui 150 milioni di profili di Facebook. La nuova strategia potrebbe aumentare sensibilmente gli introiti derivanti dall’advertising, fino ad ora poco significativo e redditizio.

Stando alle prime indiscrezioni, questo sistema permetterà agli inserzionisti di effettuare sondaggi mirati sui propri prodotti agli utenti di Facebook. Il target verrà selezionato in base alle informazioni presenti sui profili (es. localizzazione, età, sesso, livello di istruzione…).

Lo strumento potrebbe essere impiegato per compiere focus group e ricerche di mercato in tempo reale e a costi relativamente contenuti. In pochi minuti il sistema è in grado di contattare i profili di numerosi utenti in molti stati del mondo. Gli nuovi annunci contenenti i sondaggi sponsorizzati dovrebbero essere posizionati in alto a destra nelle pagine dei profili per non risultare troppo invasivi. Le risposte degli utenti saranno inoltrate all’inserzionista, che avrà rapidi riscontri sulle sue indagini, ottenendo un notevole risparmio di tempo. Il costo della campagna pubblicitaria sarà calcolato sul numero di click ricevuti per il sondaggio e sulla quantità di profili coinvolti nell’iniziativa.

Le potenzialità del nuovo sistema sono dunque molto alte, ma permangono le perplessità circa il rispetto della privacy degli utenti. Se il sistema dovesse rispettare le ambizioni dei suoi promotori, potrebbe comunque diventare una rilevante fonte di introiti per Facebook.

Articolo tratto Spazio Impresa



ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MANAGEMENT - 07/11/2012
Kotler: 'L'Italia ha dimenticato il marketing'
MANAGEMENT - 19/01/2016
La Business Mobility nel mondo
MANAGEMENT - 10/02/2011
Customer Equity, ma attenti alla competizione
MANAGEMENT - 18/01/2016
Il futuro dell‘ecommerce
MANAGEMENT - 12/07/2010
Il web 2.0 non convince i marketing manager
 
 

Business Video