Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
07/01/2010  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Tour of the Alps

Lucia Beria, reponsabile della parte Brand & Consumer Marketing di Pirelli Tyre, intervistato da MyMarketing.Net, spiega come la presentazione di un pneumatico invernale possa diventare uno strumento di coinvolgimento e fidelizzazione attraverso il web.


Ci parli brevemente del progetto Tour of the Alps.
Tour of the Alps è un evento itinerante internazionale ideato e voluto da Pirelli per presentare il nuovo pneumatico invernale Winter Snowcontrol Serie II. Un vero e proprio viaggio “sul prodotto”, che si è svolto dal 13 al 15 ottobre 2009, e al quale hanno partecipato circa 70 giornalisti provenienti da tutta Europa e una decina di blogger autorevoli nel settore auto motive.  A loro è stato affidato il compito di testare i nuovi pneumatici per ben 500 km, da Milano a Monaco, passando per le splendide cime innevate dello Stelvio.
I partecipanti, divisi in equipaggi, sono stati poi coinvolti in una sfida a squadre che li ha visti misurarsi con prove di guida, ingegno e abilità fisica nella tappa intermedia sul ghiacciaio dello Stelvio a 3200 m.
Per tutta la sua durata, sul blog www.tourofthealps.com è stato possibile seguire l’evento, raccontato passo per passo in un vero e proprio diario di viaggio.  Inoltre, per trasmettere agli utenti ciò che è accaduto sia nel corso di tutto il Tour che nella giornata centrale dell’evento sullo Stelvio, abbiamo scelto di attivare un live-blogging attraverso Twitter.  Semplicemente grazie all’uso di cellulari e tramite sms abbiamo potuto aggiornare in tempo reale l’home page del nostro blog con dei flash continui.


Ci parli di questo blog. Come è stato concepito?
Il blog nasce dall’esigenza di promuovere l’evento attraverso il web e di dare la possibilità a coloro che non hanno potuto partecipare di seguire il viaggio anche da casa. Per questa ragione, il blog è stato realizzato in tre lingue: italiano, tedesco e inglese, quest’ultima lingua ufficiale dell’evento.
Il blog ha seguito il team fin dalla preparazione dell’evento: gli aggiornamenti sono infatti iniziati il 15 settembre, dando la possibilità agli utenti di avere visibilità sulle fasi precedenti, coinvolgendoli per quanto possibile nelle vicessitudini di ogni giornata.
Durante il tour poi lo staff, ha raccontato con post, foto e video quanto stava accadendo: le impressioni dei partecipanti alla guida delle auto gommate Snowcontrol Serie II, le sfide e la competizione palpabile tra gli equipaggi, il freddo e la Nazionale Modelle che si è cimentata nella partita di calcio più alta d’Europa, arbitrata dal portiere dell’Inter Orlandoni e con Marco Materazzi tra gli spettatori.


Quali sono stati gli strumenti utilizzati per promuovere l’evento e il blog sul web?
Tour of the Alps è un progetto di comunicazione integrata che ha fatto del web 2.0 il suo media di riferimento, grazie a una serie di attività specifiche ed efficaci curate dall’ agenzia di Internet PR Connexia.  Oltre al blog in tre lingue, insieme a Connexia abbiamo creato una strategia di Social Media Marketing, con l’apertura e la gestione di profili e fan page nei principali paesi (Italia, Spagna e Germania) sui Social Network più importanti: primo fra tutti Facebook, poi Youtube, Flickr e, come già detto, Twitter, utilizzato dallo staff per il microblogging live dell’evento.
Su Facebook abbiamo inoltre realizzato un’applicazione quiz sulla conoscenza delle caratteristiche del pneumatico invernale, per sensibilizzare la rete alla guida sicura e consapevole su neve e ghiaccio.


Quali sono le iniziative che hanno visto un maggior coinvolgimento e interazione da parte degli utenti della rete?
Sicuramente i video: abbiamo diffuso online un video virale con i momenti salienti della partita della Nazionale Modelle, che ad oggi conta oltre 400.000 visualizzazioni totali ed è presente su circa 330 siti.
Recentemente poi è stata realizzata un’intervista doppia, sul format Iene, tra il pneumatico estivo e quello invernale; solo su youtube il video ha già avuto qualche migliaio di contatti. Questi tipi di video emozionali danno vita a dinamiche virali che si propagano in rete generando un numero di visualizzazioni e commenti davvero considerevoli.


Un’ultima domanda: accanto ai giornalisti sono stati coinvolti anche alcuni blogger. E’ sempre più importante coinvolgere questi ultimi come voci autorevoli di un’informazione che diventa col tempo sempre più multicanale?
Quando il web diventa il principale luogo di incontro tra un brand e il proprio target non è sufficiente essere presenti con un proprio sito o blog. Diventa fondamentale,  infatti, andare a creare dialogo in quegli spazi che hanno saputo affermarsi  e diventare dei riferimenti su temi specifici. Tali spazi nella maggior parte dei casi sono gestiti da blogger, i quali costituiscono veri e propri opinion leader in grado di dare vigore al “rumore” che viene a crearsi attorno a una notizia o attività.  Senza contare che spesso si tratta di personaggi molto ben inseriti nei principali social network, altra leva strategica per ottenere una più ampia e positiva diffusione della comunicazione creata.
La nostra scelta di portare nel Tour of the Alps queste persone è quindi nata con l’obiettivo di avere un punto di vista  indipendente, per poter offrire agli utenti finali non solamente un giudizio “di parte” come poteva essere quello del nostro blog ma un parere autonomo, puntuale e competente.



ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
BRANDING - 23/04/2011
Il tricolore esplode in adv
BRANDING - 12/06/2011
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
BRANDING - 23/04/2011
Coca-Cola vs Pepsi
BRANDING - 29/05/2011
Fiat 500 by Gucci
BRANDING - 06/09/2010
Fiberceutic di L’Oréal Professionnel
 
 

Business Video