Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
28/02/2010  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Ma Facebook serve a riempire le camere del mio hotel?

 
 
Che sia l’anno dei Social Network è risaputo, così come che la parola Facebook cada un po’ dappertutto, anche quando si parla di web marketing e promozione online.
 
Si legge e si sente in giro di "Facebook marketing strategies" anche per gli hotel, snocciolando i numeri del Social Network più famoso del mondo a giustificare strategie di investimento. Spesso confondendo però le "relazioni oline" con l’advertising (lo ha fatto anche IAB).
 
Ma la domanda che pongo a chi con entusiasmo spinge su tale strumento, soprattutto quando di tratta di consulenti di web marketing che dovrebbero quindi consigliare le aziende nei migliori investimenti in riferimento alle rese degli stessi, è: “Come misurate la valenza di tale strumento?". Purtroppo risulta spesso inevasa o con allusioni all’affermazione del brand quale vero risultato finale (anche questo mai misurato da tali consulenti, sia in positivo che in negativo).
 
Quando di parla di strategie di promozione online, spesso ci si dimentica del rientro sugli investimenti e del suo valore, trascinati dall’entusiasmo di proporre o erogare novità. Anche utilizzando semplici strumenti di Calcolo del ROI, si potrebbe invece capire che non sempre investire su alcuni canali è conveniente, soprattutto se lo si fa a discapito di altri. Anche quando viene proposto semplicemente di investire in Facebook Advertising, spesso non sento la risposta alla domanda "Perché dovreste farlo? Con quale budget?" (la risposta sarebbe: "perché ho analizzato o stimato che conviene rispetto ad altri attuali investimenti quali AdWords, portali, SEO, email, etc… che hanno ROI meno performanti superati certi investimenti").
 
Per quel che riguarda “Facebook & Company”, consiglio per una più facile comprensione della valenza del Web 2.0, una propedeutica lettura del post di Gianluca Diegoli "Lo strano caso del web 2.0: 10+ cose che l’agenzia 2.0 non vi dirà mai".
 
In particolare, agli albergatori che credono che con pochi investimenti possano attrarre nuovi clienti, si consigliano i seguenti accorgimenti:
 
·         invece di pagare l’agenzia (che paga uno stagista) per scrivere pensierini per cinquanta aziende come la vostra, sarebbe più efficace dedicare veramente 15 minuti alla Fan Page e regalare “vera” utilità;
·         ormai il 90% delle aziende ha una Fan Page su Facebook, ma il 90% degli utenti non ne è a conoscenza;
·         molte campagne 2.0 sono rivolte al cliente "interno" e non al cliente esterno.
 
Investire per avere risultati concreti su Facebook rappresenta un costo che comprende: la creazione e la promozione di  una fan page, con una redazione che pubblichi contenuti e interagisca con gli utenti; il monitoraggio della propria reputazione e le successive azioni correttive.  Analizzare i "rientri" di tale strategia comporta spesso una delusione: "L’albergo non si è riempito!". Ma ancor di più la recriminazione tipica dell’albergatore che ha speso i suoi limitati budget: "…perché non ho investito i miei sodi in azioni di web advertising più redditizie?".
 
Anche leggendo esperienze positive di strutture o località che hanno potenziato la loro presenza su Facebook  si parla ancora di ritorni in investimenti poco interessanti. Viceversa, le case history più interessanti riguardano strutture turistiche che hanno deciso di investire anche nel portale solo dopo aver esaurito le potenzialità di rientro su altri più redditizi canali di promozione, e solo dopo essersi dotati di una buona redazione competente e dinamica (o di una sola persona). E aver avuto la certezza che la propria struttura era realmente in grado di offrire qualità percepita tale da permettere la crescita di una comunità e di relazioni positive online. Ipotesi remota per molti hotel come singole strutture o piccole catene.
 
Per chi fosse interessato alla misurazione della valenza dei Social Network, occasione di approfondimento è il prossimo WAS (Web Analytics Strategies).
 
Andrea Cappello - Studio Cappello Search Marketing
e servizi di Promozione Hotel 
Search Advertising Blog


ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MEDIA - 06/02/2009
Edilportale Marketing Awards 2009
MEDIA - 28/03/2011
I ‘trucchi‘ del sapere
MEDIA - 01/03/2011
Sky e il calcio più bello. Riflessioni post evento
MEDIA - 08/10/2010
Affermare la Marca sui Mercati Esteri: quando il SEO (posizionamento sui motori di ricerca) aiuta il “branding online”
MEDIA - 13/11/2010
Comunicato stampa visibile su Google? 5 facili trucchi a costo zero!
 
 

Business Video