Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
28/02/2010  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Ferrovie, la sfida corre sui binari

Duemila passeggeri al giorno e un indice di puntualità all’80%: è il bilancio dei primi due mesi del servizio ferroviario dalla tedesca Deutsche Bahn e dall’austriaca Obb, che sfidano Trenitalia direttamente in casa. Dal 13 dicembre scorso (in concomitanza con il nuovo orario delle Fs), con 5 coppie di treni Intercity al giorno e personale delle Ferrovie Nord Milano, Db-Obb offrono servizio di trasporto passeggeri tra Monaco di Baviera e Verona, con diramazioni a Milano e Bologna.

E l’obiettivo ora è quello di aumentare l’offerta, non esclusa la possibilità di allungare la tratta fino a Firenze. Entra quindi nel vivo la grande sfida sui binari, con la liberalizzazione completa del trasporto ferroviario nella Ue, che prevede il diritto di accesso alle infrastrutture di tutti gli Stati membri, compreso il cabotaggio, dal primo gennaio scorso. ’’Il servizio è partito bene e il riscontro dei clienti è soddisfacente’, hanno detto Jens Roeder, responsabile del traffico internazionale Db, ed Erich Forster, responsabile traffico di Obb, annunciando oggi di voler introdurre ’’gradualmente, a partire dal 2011, nuovi treni Railjet, dotati di 3 classi: premium, prima, ed economica’’. Db ’’sta guardando molto attentamente al mercato, ci sono progetti che riguardano l’Italia’’, ha detto Roeder. E Deutsche Bahn ha ordinato intanto al costruttore Bombardier altri 48 treni ’Talent 2’, per circa 200 milioni di euro. Ma i treni austro-tedeschi non sono i soli concorrenti di Trenitalia. Nel 2011 è previsto l’arrivo di ’.Italo’, della Ntv di Della Valle-Montezemolo. Il prototipo, introdotto in Italia, sta già effettuando prove tecniche. E sono almeno trenta le imprese in possesso al momento sia della licenza di operatore ferroviario che di sicurezza, rilasciata dall’Ansf. Dieci in meno quelle autorizzate a fare trasporto passeggeri. Riguardo a una possibile alleanza con Ntv (partecipata dalle ferrovie francesi Sncf), Db-Obb hanno spiegato: ’’Ntv vuole percorrere l’asse Nord-Sud del Paese, noi seguiremo gli sviluppi e prenderemo delle decisioni’’.

A differenza di Ntv, interessata all’alta velocità, l’alleanza Db-Obb-Le Nord punta invece alla linea tradizionale che, proprio con l’avvento dei supertreni, potrebbe offrire ampio spazio ai RailJet che saranno introdotti dal 2011. Ma anche il monopolista pubblico Trenitalia sta affilando le armi nei confronti di una concorrenza che si annuncia molto agguerrita. La società del gruppo Fs ha lanciato a fine anno una maxigara da 1,2 miliardi tra i maggiori costruttori per comprare 50 nuovissimi treni per l’alta velocità. Ntv ha da parte sua ordinato alla francese Alstom 25 treni di 11 carrozze ciascuno per 650 milioni di costo. Entrambe con treni velocissimi capaci di oltrepassare i 350 km l’ora, Fs e Ntv si sfideranno su servizi, tariffe flessibili e dedicate, comfort. Le regole della concorrenza, come è noto, sono dure: già gli austro-tedeschi lamentano alcune difficoltà nel rapporto con Rfi, la società di Fs che gestisce l’infrastruttura. ’’Avevamo chiesto le stesse tracce che prima utilizzava Trenitalia - ha spiegato Giorgio Spadi, direttore di Le Nord - ma Rfi ha spostato l’arrivo a Milano dalla Stazione Centrale a Porta Garibaldi e ha aumentato di un’ora il tempo di percorrenza del treno sulla Milano-Verona’’. Sei ore e mezzo il tempo di percorrenza tra Monaco e Bologna, un’ora e 10 in più per Monaco Milano (via Verona). Inoltre Db e Obb si sono visti negare da Trenitalia l’utilizzo delle biglietterie nelle stazioni: i viaggiatori possono acquistare in compenso il biglietto su internet o a bordo dei treni senza sovrapprezzo.

Rossella Ivone



ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MANAGEMENT - 07/11/2012
Kotler: 'L'Italia ha dimenticato il marketing'
MANAGEMENT - 19/01/2016
La Business Mobility nel mondo
MANAGEMENT - 10/02/2011
Customer Equity, ma attenti alla competizione
MANAGEMENT - 18/01/2016
Il futuro dell‘ecommerce
MANAGEMENT - 12/07/2010
Il web 2.0 non convince i marketing manager
 
 

Business Video