Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
12/03/2010  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Branding 2.0
Il rapporto post-moderno tra la marca e le persone

Per gentile concessione di Brandforum.it

Come cambia la relazione tra il brand e le persone? Che tipo di evoluzione si prevede nel nuovo paradigma di marketing basato su social media e forme partecipative? Senza pretesa alcuna di esaustività, in questo articolo proverò a definire un possibile minimo comune denominatore dei concetti che sintetizzano la marca oggi e lo farò partendo dal mio recente post "Le 3 C del branding 2.0". “Markets are conversations”. E’ già passato oltre un decennio ma la prima delle 95 tesi del Cluetrain Manifesto si rafforza sempre di più.

Ecco perché il brand diventa un soggetto di comunicazione che assume contemporaneamente un triplice ruolo: conversatore, conversato e conversabile. Vediamoli tutti.
 
 

 
Conversatore: il brand conversa con le persone.
La marca ha bisogno di dialogare in maniera costante e coerente con il proprio pubblico, con gli stakeholder e con i fan.
La conversazione che si instaura è paritaria: le persone del brand conversano con le persone interessate al brand. Naturalmente, come accade nelle relazioni interpersonali, si possono verificare contrasti, critiche e crisi.
L’orizzonte temporale va sempre collocato nel medio/lungo periodo.
 
 

 
Conversato: le persone conversano sul brand.
Internet e le tecnologie attuali (sempre più mobili e portatili) consentono il proliferarsi di informazioni, messaggi e contenuti fino all’eccesso di rumore di fondo e fino all’entropia comunicativa incalcolabile. Il tutto ad una velocità ed in una quantità impressionante e fagocitante.
E’ inevitabile per la marca subire il fenomeno a livello di immagine e reputazione; in altre parole, sul web non sarà faticoso trovare commenti, recensioni, giudizi sui prodotti e sul brand.
Quello che può sembrare una minaccia, in realtà può diventare un’opportunità. Come? Se c’è qualità (reale o percepita) allora c’è passaparola positivo sulla marca. Ormai esistono decine di strumenti professionali attendibili che monitorano le conversazioni sul brand e che integrano/sostituiscono gli strumenti classici come focus group, interviste e survey.
Ascolto e feed-back reciproco sono garantiti.
 
 

 
Conversabile: le persone possono conversare con il brand.
Per ottenere un touchpoint gratificante ed esperienziale, la marca deve offrire piattaforme partecipative ufficiali, ben riconoscibili e integrate nel contesto comunicativo istituzionale.
Nascono quindi le brand community supportate dai social network, in cui le persone dialogano ed interagiscono. Quando l’online incontra l’offline, grazie ad iniziative multicanali, la miscela diventa esplosiva e spesso win-win.
 
 
 

 
 
 
         Jacopo Pasquini

Marketing & Communications Consultant at Doctor Brand



ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
BRANDING - 23/04/2011
Il tricolore esplode in adv
BRANDING - 12/06/2011
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
BRANDING - 23/04/2011
Coca-Cola vs Pepsi
BRANDING - 29/05/2011
Fiat 500 by Gucci
BRANDING - 06/09/2010
Fiberceutic di L’Oréal Professionnel
 
 

Business Video