Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
02/04/2010  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

‘Riso e dintorni’: il marketing territoriale e nuovi media

Il marketing territoriale vuole arginare gli effetti della globalizzazione attraverso la valorizzazione delle risorse, usando le tecniche del marketing strategico maturate nell’ambito dei prodotti e dei servizi, valutando i plus e minus locali e la possibile audience e diventando veicolo di aggregazione e contaminazione culturale tra discipline diverse: questo è il presupposto per un’azione reale sul territorio. Ne hanno parlato l’AD Angelo Lonati di Riso Principe, il campione mondiale e produttore di vini Francesco Moser, Giacomo de Ghislanzoni Cardoli, Presidente della Camera di Commercio di Pavia, Mario Viana, Direttore della rivista ‘Il Risicoltore’, sotto la regia di Adriano Facchini, grande organizzatore nel campo del marketing agrario ed ex direttore del Consorzio Agrario di Parma.

L’incontro di fine marzo ‘Riso e dintorni’ presso Villa Santa Espedito Convention Bureau a Mortara, ben rappresenta l’esempio di un marketing territoriale di qualità, radicato e interconnesso: connessione e interazione tra brand diversi – il vino del campione Moser incontrava l’aceto balsamico di Modena, il pane farrarese si coniugava con il Riso Principe proveniente dalla principale zona di produzione europea: una miscellanea di persone, importanti riferimenti nella cultura del cibo del nord Italia, che alternavano le proprie esperienze a strategie marketing oriented.

Un concetto importante, è emerso durante l’incontro: si parla di minor resa dell’advertising, della crisi della stampa, della necessità di incontrare il consumatore sul territorio, parole che sono diventate innocui ‘mantra’ di fronte alla virulenza della crisi mentre la realtà italiana offre un vasto network di ‘sagre’ che raggiunge un ragguardevole numero di presenze annue. Adriano Facchini, esperto di marketing territoriale, porta, in un format che coniuga l’esposizione e l’assaggio dei prodotti tipici con l’intrattenimento culturale con convegni e libri, l’esempio del Carnevale di Cento, ove si è raggiunto 340.000 visitatori in attesa dei risultati della prossima edizione di MISEN, la Fiera delle Sagre Enogastronomiche in programma il 29 aprile. Esempi in cui, prepotentemente, emerge la relazione come fatto centrale e asset portante di una visione che coniuga la tradizione in un ottica di marketing territoriale evoluto. E’ un format che, completato da un coinvolgimento delle piattaforme di web 2.0, si confermerà, nel prossimo futuro, come la grande novità nel campo delle comunicazione moderna e leva strategica per un marketing one to one di estrema efficacia.

Fabrizio Bellavista
Partner Psycho-Research srl



Psycho Research
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
BRANDING - 23/04/2011
Il tricolore esplode in adv
BRANDING - 12/06/2011
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
BRANDING - 23/04/2011
Coca-Cola vs Pepsi
BRANDING - 29/05/2011
Fiat 500 by Gucci
BRANDING - 06/09/2010
Fiberceutic di L’Oréal Professionnel
 
 

Business Video