Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
29/05/2010  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

Hotel

info viaggi

1.  Brand
Se avete un hotel e ogni volta che un possibile cliente entra nella vostra struttura  vi piacerebbe che pagasse ad un promotore turistico che si trova davanti alla vostra porta d’ingresso una commissione per il passaggio? No? Assurdo dite? Direi di si.

Guardate allora questo risultato su Google: “hotel traiano roma” (ho preso un hotel a caso). Cosa notiamo? Notiamo che nelle campagne AdWords compaiono associate al nome dell’hotel collegamenti sponsorizzati a vari portali di booking online che, se utilizzati per il booking, chiedono una commissione per il semplice passaggio dell’utente. Inoltre, cliccando su uno di qui portali, l’utente accede ad offerte di altri hotel concorrenti correndo il rischio di dirottarli  a loro come clienti finali.

Bene che vada paghiamo un costo per avere un cliente che è già nostro, male che vada regaliamo il cliente a un nostro concorrente. Non male direi…

In questo caso siamo anche fortunati perche’ l’hotel Traiano compare al primo posto nei risultati organici ed è “mappato”, per cui molti (ma non tutti) utenti entreranno “anche” nel sito ufficiale. Ma quanti hotel non compaiono ai primi posti nemmeno con il loro nome?

I primi consigli per non buttare soldi al vento è quindi:

1. fate in modo che terzi non utilizzino il vostro nome per farsi pubblicità (Google ti aiuta)
2. Dotatevi di un booking nel sito e tenetelo aggiornato almeno quanto i siti di booking
3. Fate in modo “almeno” di comparire al primo posto col vostro nome (organico e a pagamento) nei motori di ricerca

2. Legge dei 3 click
Se un utente cerca informazioni particolari quali offerte vacanza, lastminute, struttura legata ad eventi, etc…, fate in modo che valga la legge dei tre click che dice “se un utente non trova le informazioni che cerca con tre click, probabilmente cercherà quello che gli serve in un altro sito web”, facendo diminuire drasticamente la possibilità che faccia azioni utili per diventare un cliente (ad esempio richiedendo un’offerta o inviandovi un’email).

Ecco i tre click perfetti di un utente:

- click sui risultati di ricerca (AdWords o o posizionamento naturale)
- click nella pagina di “atterraggio” dove si spera trova gia tutte le risposte che cerca relative la sua richiesta “espressa nellla query nel motore”
- call to action: click finale per invio della richiesta o del booking o altra azione obbiettivo predeterminata

Per cercare di ottenere i 3 click perfetti consiglio di:
- creare annunci specifici AdWords relativi la query digitata dall’utente e non annunci generici. Se un utente digita “offerta vacanza rimini” non fate comparire un annuncio con il contenuto del tipo “hotel a rimini, offerte hotel rimini, vacanze rimini”” ma del tipo “Ecco la miglior offerta per una vacanza a Rimini: scoprila!”
- non puntate i link della campagna sulla home del vostro sito,soprattutto se questa è una home istituzionale, ma indirizzate l’utente nelle pagine del vostro sito dove troverà la risposta che cerca. Se serve creare apposite landing page
- Invitate all’azione. Dopo aver esposto la vostra offerta, rendete ben visibili tutte le modalità con le quali può contattarvi o “chiuderla”

3.ROI
Sapere quali sono le campagne o le singole parole chiave che generano ROI positivi è fondamentale. Così come è fondamentale sapere quanto posso spendere al massimo per un click su una singola parola chiave.

Per misurare il ROI delle campagne AdWords possiamo utilizzare sia il pannello di Google, sia il suo gratuito e potentissimo Google Analytics (per configurarlo correttamente magari fatevi aiutare da chi ne sa).

Qui i consigli di Googe di cui riporto l’ultimo paragrafo:

“Tenendo sotto controllo i rapporti AdWords, potrai verificare se stai utilizzando AdWords in modo efficace. Puoi ottimizzare le tue campagne AdWords per ottenere il ROI massimo apportando lievi modifiche alle parole chiave acquistate, all’importo delle offerte, all’annuncio di testo e monitorando l’effetto di tali modifiche.”


Andrea Cappello
Studio Cappello Web Marketing  e servizi di Promozione Hotel
Search Advertising Blog

 



Studio Cappello WMR srl
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MANAGEMENT - 07/11/2012
Kotler: 'L'Italia ha dimenticato il marketing'
MANAGEMENT - 19/01/2016
La Business Mobility nel mondo
MANAGEMENT - 10/02/2011
Customer Equity, ma attenti alla competizione
MANAGEMENT - 18/01/2016
Il futuro dell‘ecommerce
MANAGEMENT - 12/07/2010
Il web 2.0 non convince i marketing manager
 
 

Business Video