Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
04/06/2010  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

La formazione a tutti i livelli è una via importante per rilanciare le aziende

Quando parliamo di crisi oggettivamente pensiamo che una buona parte di responsabilità sia nel management, nelle scelte imprenditoriali e nella struttura dell’azienda che non ha percepito, non ha saputo o non ha potuto intervenire nella gestione della crisi.
Quanto ha giocato la preparazione del management , dell’imprenditore e delle funzioni aziendali per affrontare le nuove situazioni e soprattutto le nuove emergenze ?
Manager ed imprenditori devono avere il coraggio di decidere con fermezza su quali argomenti necessitano un aggiornamento. E’ meglio per questi livelli non parlare di formazione ma di conversazioni specialistiche e  decidere quanti giorni all’anno ( da tre a cinque ) dedicare a questa attività che è un investimento per il futuro e non un costo . Cosa approfondire ? studio della concorrenza sui nostri prodotti e sui nostri servizi,  conoscenza della distribuzione commerciale nei mercati interni ed esteri, impatti della tecnologia e della rete internet sulla filiera dell’azienda,  come  fare relazioni pubbliche e come  individuare nuovi modi per aprire relazioni commerciali.
E’ un  aggiornamento professionale che ADICO ha deciso di offrire all’imprenditore  con  un programma  di seminari e di workshop .ADICO PER LA PMI è un intervento  pragmatico destinato a contribuire allo sviluppo delle PMI .
Ma le aziende hanno bisogno anche di persone, di nuova linfa a tutti i livelli dal neo-laureato al quadro e al venditore. Parliamo di competenze, di disponibilità e di capacità di assumersi delle responsabilità nel ruolo che l’azienda cerca oggi. 
Oggi per i giovani: non basta la laurea che è solo un prerequisito per essere ammesso al colloquio.
Il laureato pensa che presentarsi all’azienda con il proprio titolo di studio sia sufficiente: lo dimostra il fatto che generalmente scrive un solo curriculum senza mai adattarlo all’azienda a cui lo presenta Poi non ha previsto un piano di formazione post-universitario che deve programmare personalmente e a sue spese e che può svolgere in attesa di trovare un posto di lavoro. Oggi questo costa meno perché può utilizzare la tecnologia e la rete internet per individuare dove e come colmare le proprie lacune.
Questo è ancora più necessario quando parliamo di due professioni lavorative aperte a più tipologie di studi universitari: mi riferisco al lavoro di comunicazione e a quello di venditore.
Questi due ruoli hanno subito in questi ultimi tempi una forte accelerazione di bisogni formativi proprio perché internet ne ha cambiato i contorni: oggi fare comunicazione senza conoscere a fondo le potenzialità della tecnologia e di internet è un controsenso. ..
Oggi per il venditore  è possibile,  con l’aiuto della rete, avere più informazioni sia sul lato dei prodotti e servizi che deve proporre e sia  sul lato della conoscenza dei suoi clienti acquisiti e nuovi.
Studiare, aggiornarsi conoscere la rete e la tecnologia, conoscere i mercati, essere informati può consentire di affrontare meglio le difficoltà del momento.

Michele Cimino
Presidente ADICO



Adico
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
MANAGEMENT - 07/11/2012
Kotler: 'L'Italia ha dimenticato il marketing'
MANAGEMENT - 19/01/2016
La Business Mobility nel mondo
MANAGEMENT - 10/02/2011
Customer Equity, ma attenti alla competizione
MANAGEMENT - 18/01/2016
Il futuro dell‘ecommerce
MANAGEMENT - 12/07/2010
Il web 2.0 non convince i marketing manager
 
 

Business Video