Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL
01/07/2010  Versione per la stampa Share it   Condividi su Facebook

La partnership

 La partnership tra ICEI e Coop mira a fornire sostegno ai piccoli produttori di spezie biologiche del distretto di Kandy, in Sri Lanka, ed è stata realizzata grazie al contributo di Coop Lombardia che ha creato un bando di finanziamento sulla cooperazione internazionale, vinto da ICEI.
ICEI – Istituto Cooperazione Economica Internazionale, è un’associazione senza scopo di lucro fondata nel 1977 per svolgere attività di ricerca e formazione sulle problematiche Est-Ovest e Nord-Sud e che è diventata per Milano una punto di riferimento di informazione e dibattito. Dalla sua costituzione l’Istituto svolge, in Italia e all’estero, attività di sensibilizzazione su vari temi: incontro interculturale, rapporti internazionali,  politiche di debito, variabile ambientale, condizione di genere delle donne sfruttamento delle risorse, mercati internazionali, rapporti etica – economia, globalizzazione; dal 1991 promuove progetti di cooperazione allo sviluppo nel Sud del mondo, concentrandosi su turismo responsabile, agricoltura biologica e appoggio alle piccole e medie imprese. ICEI opera privilegiando una logica di intervento legata allo sviluppo più che all’emergenza, adottano un approccio basato sulla crescita equilibrata, affiancando azioni di sensibilizzazione e formazione delle popolazioni locali.
I progetti sono cofinanziati dal Ministero Affari Esteri (principale finanziatore con circa 1,6 milioni di euro su un totale di 2,65 milioni di entrate), a cui si aggiungono Commissione Europea, Regione Lombardia e altri enti locali, fondazioni e donazioni private. L’associazione si avvale della collaborazione di 12 operatori, tra Milano e Roma e di un cooperante per ogni progetti; la governance è composta da poche figure chiave, un consiglio direttivo di 7 membri e 75 soci.
L’Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori - Coop (ANCC-COOP) è l’organismo di rappresentanza, promozione e tutela degli interessi delle cooperative; rappresenta il momento unitario della cooperazione dei consumatori, i cui organi dirigenti determinano gli indirizzi comuni di politica economica, sociale e di solidarietà. Per questo, come per altri progetti, l’Associazione ha il compito di predisporre il bando nazionale di cofinanziamento e le relative linee strategiche.
Coop  Lombardia è un’impresa di distribuzione organizzata e in quanto cooperativa opera nell’interesse dei propri soci; scopo sociale dell’azienda è la difesa degli interessi del consumatore, che persegue, oltre che con la propria politica commerciale, anche con diverse iniziative, destinando importanti risorse all’impegno sociale e ad iniziative di solidarietà.
L’idea di concentrarsi su tale ambito parte dalla constatazione che l’agricoltura rappresenta la principale fonte di occupazione e reddito per molte famiglie nel mondo. In questi contesti ICEI opera per aumentare le produzioni e introdurre nuove coltivazioni, considerando che il mercato del biologico e lo sviluppo della domanda internazionale rappresentano una concreta possibilità di crescita per i produttori locali; qui si collabora inoltre per rafforzare il potere associativo, facilitare l’accesso al credito, consolidare le strutture logistiche e di trasporto, stimolare la ricerca scientifica e tecnologica, generare politiche di sviluppo sostenibile e integrato nell’ambiente rurale.
Il progetto prende avvio dalla partecipazione di ICEI ad un bando di finanziamento sulla cooperazione internazionale di ANCC-COOP, che si occupa dei contenuti e delle linee strategiche del bando stesso, demandando alle realtà regionali lo stanziamento dei fondi e l’attività di controllo e verifica di obiettivi e risultati. ICEI ha vinto il bando “Stop World Poverty”, ha realizzato una prima stesura del progetto e in un secondo momento si è avvalso della collaborazione di Coop Lombardia per l’affinamento dell’idea e dei contenuti progettuali. Durante la prima fase è stata coinvolta anche la ONG Everseas (con sede a Modena) che è diventata partner ufficiale.
L’area individuata da ICEI è il Distretto di Kandy, nello Sri Lanka, una realtà abitata da circa 1.300.000 individui e prevalentemente rurale. La tradizione agricola locale, legata alla coltivazione di spezie, cacao ed erbe medicinali appare oggi molto indebolita dalla mancanza di investimenti, infrastrutture e industrie di trasformazione e da una progressiva perdita di specie, causata dallo tsunami del 2004 e dalla volontà di concentrarsi solo su poche coltivazioni. La povertà ha raggiunto livelli elevati ed appare evidente la necessità di promuovere un modello di sviluppo sostenibile che porti benefici alle comunità locali e alle organizzazioni contadine.
Il progetto, di durata triennale, intende promuovere lo sviluppo di coltivazioni biologiche e prodotti agricoli destinati in parte all’autoconsumo e in parte alla commercializzazione, sia sul mercato interno che su quello internazionale. I destinatari sono circa 60 piccoli coltivatori locali, con i quali si sta promuovendo un approccio di filiera produttiva che aumenti il loro potere, anche contrattuale, e permetta un rafforzamento associativo. Gli obiettivi del progetto si muovono su due fronti distinti: da un lato si punta a migliorare la sicurezza alimentare supportando l’orticoltura domestica; dall’altro, al fine di accrescere i redditi degli agricoltori locali, si intende introdurre ed estendere la coltivazione di spezie da consumare in loco e/o commercializzare.
ICEI ha messo a disposizione il proprio cooperante locale e si avvale del contributo della ONG Overseas e di diversi altri partner locali: SOFA, Associazione di produttori di spezie e tè; Gami Seva Sevana LTD, ONG locale di promozione dell’agricoltura biologica e sostegno ai piccoli produttori; Bio Foods (PVT) LTD, esportatore e trasformatore certificato biologico; Commercio Alternativo; ICEA – Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale.
Coop, oltre a finanziare il progetto, ha inviato in loco propri dipendenti esperti in materia; ha messo a disposizione le proprie strutture tecniche e commerciali e un canale privilegiato con aziende che lavorano i prodotti a marchio Coop; ha redatto protocolli d’intesa per la collaborazione nelle fasi di progetto, per il monitoraggio delle azioni e il sostegno per le garanzie di qualità, nonché la disponibilità a commercializzare nei punti vendita italiani i prodotti coltivati; attualmente sono in fase di realizzazione i relativi accordi. Sono anche allo studio azioni di informazione e sensibilizzazione sui temi della lotta alla povertà, cooperazione internazionale, stili di vita sani e alimentazione biologica; verranno realizzati, soprattutto a Milano e provincia, momenti di gioco per bambini e adulti che prevedono la sperimentazione con le spezie, mostre fotografiche, la creazione di ricettari che fanno uso di colture e spezie locali e attività che favoriscano la coesione sociale.
Il progetto è ancora in corso e sono già individuabili i primi risultati concreti. Nel distretto è aumentata la produzione biologica orticola e di prodotti ad alto valore aggiunto (spezie) ed è migliorato il livello di sicurezza alimentare. Il mercato delle spezie ha beneficiato di un forte incremento, che ha permesso la creazione di nuove relazioni commerciali nel distretto di Kandy e tra Sri Lanka e Italia; a ciò va aggiunto un miglioramento delle condizioni di vita delle famiglie dei coltivatori e un contributo allo sviluppo economico del Distretto di Kandy. Hanno beneficiato del progetto non solo i coltivatori e le loro famiglie, ma anche altri contadini (grazie alle associazioni di categoria), i commercianti di spezie, i soggetti coinvolti nell’indotto e la popolazione locale, che ha a disposizione prodotti agricoli in maggiore quantità e qualità. La partnership ha generato benefici anche per i due soggetti promotori: ICEI ha realizzato la propria mission e il progetto che, grazie anche al contributo di Coop, sarà replicabile in altri contesti; COOP ha partecipato alla stesura del progetto, è entrata in contatto con nuove realtà produttive e avrà a breve la possibilità di implementare la propria offerta di prodotti biologici; sotto il profilo dell’immagine e della reputazione, queste risulteranno migliorate per aver finanziato un progetto di cooperazione e sviluppo internazionale.
Le caratteristiche e i contenuti tecnici e pratici del progetto ne permettono la sua replicabilità in altri contesti e Paesi, nonché per altre tipologie di colture; l’esperienza maturata da ICEI ha evidenziato come, in presenza di un finanziatore forte e motivato e di un sistema di associazioni affidabili, la risposta e la volontà di riscatto sociale ed economico delle popolazioni coinvolte possano portare risultati molto positivi.
Per ogni ulteriore informazione vi invito a visitare il sito ufficiale dell’associazione www.icei.it o mandare una mail a info@icei.it
 


 



Borsa Progetti Sociali
ACCEDI O REGISTRATI PER LASCIARE UN COMMENTO

Commenti: 0
5 ARTICOLI CORRELATI
INTERNATIONAL - 25/11/2015
Simboli nazisti a New York: la campagna di Amazon
INTERNATIONAL - 06/10/2015
Moda&Lusso, una crescita a livello mondiale
INTERNATIONAL - 12/11/2010
Come l’India sta influenzando l’innovazione globale
INTERNATIONAL - 22/01/2009
MAROCCO: Sempre più interesse per il ‘Made in Italy’
INTERNATIONAL - 24/10/2010
Prepaid Summit Europe 2010
 
 

Business Video