Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

I dati del web in estate

Del: 19/07/2005

Come sempre con l’arrivo dell’estate cala gradualmente il tempo dedicato ad Internet dagli italiani.
A fronte di un’utenza stabile rispetto al mese di maggio (oltre 17,1 milioni sul Web), infatti, si contrae di circa il 2.5% il tempo che ciascun navigatore ha dedicato nel mese al mezzo: 11 ore e 20 minuti online, circa un quarto d’ora in meno rispetto a maggio.
Si tratta di un calo fisiologico legato a dinamiche di stagionalità che si verifica ogni anno (tra maggio e giugno del 2004 si registrò la medesima riduzione percentuale) e che si estrinseca per esempio in un minor numero di utenti che si connettono la domenica.
Nulla di atipico, dunque, solo che la competizione tra il Web ed il fine settimana all’aria aperta si fa più dura. In realtà non tutti i navigatori trascorrono meno tempo online. Il calo dei consumi concerne infatti il pubblico adulto sopra i 55 anni, sia femminile sia maschile, che riduce di circa il 12% il tempo di connessione, ma anche gli uomini tra i 25 ed i 34 anni che passano da 44 a 40 sessioni nel mese.
Ma per alcuni target, come i teen-ager e le giovani donne le occasioni di stare connessi sono aumentate: da maggio a giugno i 12-17enni sono stati online in media 2 ore e 7 minuti in più, le donne tra i 18 ed i 24 anni in media 1 ora e 6 minuti in più.
La chiusura delle scuole sembra pertanto aver dato maggiori opportunità ai ragazzi di andare online creando gli spazi per una fruizione più intensa del Web. Uno degli effetti più vistosi di questo è stato l’incremento del tempo trascorso sugli instant messenger: considerando i primi tre instant messenger in Italia in media ciascun navigatore ha incrementato del 40% il tempo su di essi. E stiamo parlando di un mercato complessivo che da inizio anno si posiziona con oltre 4 milioni di utilizzatori ogni mese.

“La crescita in termini di audience e di fruizione degli instant messenger così come il successo di un importante operatore di ‘Voice over Ip’, che da inizio anno ha quadruplicato i propri utilizzatori, stanno ad indicare che Internet è stato eletto strumento di comunicazione privilegiato soprattutto da alcuni target di utenti” commenta Alessandra Gaudino, Senior Analyst Nielsen//NetRatings. “Certe iniziative del mercato che si muovono verso la convergenza sul PC della comunicazione vocale vanno precisamente nella direzione di rendere il computer lo strumento principe della comunicazione interattiva”.

E se a questi dati aggiungiamo i tassi di crescita a tre cifre del case study dell’anno, il juke box digitale con incorporato il negozio per il download musicale, leader nella vendita online di MP3 (da gennaio ha più che raddoppiato l’utenza), possiamo dedurre che questa interattività sul piano della comunicazione ha anche grandi potenzialità nello sviluppo dell’eCommerce ed in generale di un mondo sempre più digitalizzato. Oltre che agli instant messenger teen-ager e giovani donne sono ricorsi a giugno anche ai siti di intrattenimento: complessivamente i siti della categoria sono stati visitati da oltre 11,1 milioni di individui, in media per un’ora nel mese, il 9% in più rispetto a maggio.
E sui siti di viaggi. La stagione estiva è molto favorevole per questa tipologia di siti: a giugno 7,8 milioni di individui hanno visto un sito di viaggi (+3% rispetto da maggio). Tra costoro cresce del 16% la quota dei teen-ager (circa 360 mila individui) e dell’11% quella delle donne tra i 25 ed i 49 anni (circa 1,9 milioni di individui). Donne che risultano essere particolarmente sensibili ai siti di prenotazione alberghiera e delle compagnie di crociera.

                                                                      audiweb

 
 

Business Video