Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Consumatori e carte fedeltà

Del: 15/09/2005

TNS Infratest ogni mese realizza un sondaggio per la Rivista Trade Business, su argomenti attinenti i consumatori. Il tema di questo mese è il rapporto tra consumatori e carte fedeltà, di cui riportiamo in allegato i risultati.

TNS Infratest ha contattato telefonicamente 999 individui rappresentativi della popolazione italiana adulta al fine di delineare
un quadro generale della situazione delle Carte Fedeltà presso i consumatori finali (possesso, gradimento...).

Più della metà degli intervistati (55%) dichiara di possedere almeno una Carta Fedeltà di super ed ipermercati, tra questi il 49% è proprietario di carte di una sola insegna, mentre il restante 51% è costituito da multi-possessori (che possiedono due o più carte di insegne diverse).
La maggioranza dei possessori (90%) non ha abilitato la funzione Credito per la Carta Fedeltà posseduta e tra coloro che non la posseggono pochi (8%) pensano di richiedere questo servizio in futuro, dati che mostrano una difficile associazione tra super/ipermercati ed un servizio tipicamente bancario/finanziario.

I vantaggi maggiormente apprezzati delle carte fedeltà sono rappresentati in prima battuta da sconti sulla spesa (57% dei possessori), seguiti a pari merito da offerte speciali- sconti sui prodotti (46%) e raccolte punti per ottenere regali (46%).
Tra i regali vengono apprezzati maggiormente i casalinghi (il 47% dei possessori dichiara di preferirli - principalmente donne) e le apparecchiature elettroniche (28% dei possessori).

E’ interessante notare come vi sia la tendenza a frequentare sempre lo stesso punto vendita: il 47% dei possessori di carte fedeltà intervistati, ha dichiarato di aver frequentato sempre lo stesso super/ ipermercato nelle ultime dieci volte in cui si è recato a fare acquisti.
E’ difficile poter affermare con certezza che tale fedeltà sia indotta dalle loyalty cards, ma segnaliamo come un terzo dei possessori sarebbe disposto a cambiare insegna se questo significasse avere una Carta Fedeltà con maggiori vantaggi e servizi, dimostrando una particolare attenzione a questo strumento.

L’ultimo dato interessante riguarda la maggior propensione dei proprietari di una Carta Fedeltà di super/ipermercati al possesso di altre tipologie di carte, infatti il 19% dei possessori dichiara di avere card di altre categorie (in modo particolare di distributori di benzina) contro il 9% dei non possessori, che confermano ancora una volta la scarsa sensibilità a queste forme promozionali.

Il consumatore italiano risulta, dunque, diviso: poco meno della metà non possiede nessuna carta fedeltà di insegne di super/ipermercati, poco più di un quarto ha scelto di essere fedele ad una sola insegna distributiva e un ultimo quarto, circa, risulta essere un “multi-possessore” (possiede più carte di diverse insegne) orientato quindi più alla ricerca della promozione che alla fedeltà.


Allegati:
Consumatori e carte fedeltà

 
 

Business Video