Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Tryvertising: casi di successo

Del: 03/01/2006

Come ho descritto nel mio precedente articolo, il Tryvertising non consiste semplicemente nel promuovere un prodotto o un servizio facendolo testare prima dell’acquisto.

Il Tryvertising sta a metà tra l’advertising puro, la promozione del prodotto e l’attività di branding.
I consumatori di oggi sono esperti, sono bravi e poco sensibili all’advertising.

Il Tryvertising è un modo innovativo di coinvolgerli, facendo “vivere” i prodotti nel mondo reale, nella vita di tutti i giorni, in momenti e luoghi particolari in grado di amplificarne il valore, facendo "sentire" loro una brand experience ancora prima di possedere il bene.

Ora, nei giorni successivi alla pubblicazione dell’articolo mi sono arrivate numerose mail, in cui mi si chiedevano ulteriori esempi o casi di successo di tryvertising nel mondo ed un percorso o una traccia, da seguire per “farsi venire l’idea giusta” e applicare il tryvertising al proprio business.
Vediamo allora qualche altra applicazione di tryvertising.
In uno dei prossimi articoli cercherò di illustrarvi qualche tecnica per arrivare “all’idea giusta”.

Oltre ai due esperimenti fatti da Nike a Vancouver e da Mercedes-Benz con Ritz Carlton, di cui vi ho già parlato nel precedente articolo, vediamo cos’altro è stato fatto quest’anno: Gilette per lanciare il suo Brush-Up, un prodotto innovativo per la pulitura dei denti basato su una strisciolina di tessuto, ha distribuito ai passeggeri dei voli KLM Airlines per qualche mese un campione del prodotto, subito dopo il pranzo in volo.
L’iniziativa ha dato ottimi risultati in relazione al posizionamento del prodotto e alla sua “promessa di valore”: “Now you can get that just-brushed feeling anytime, anywhere.”

A giugno Sony, in occasione del lancio sul mercato inglese della sua nuova linea di telecamere DVD handy-cams, ha dato la possibilità ai visitatori del zoo di Londra di utilizzare gratuitamente per un’ora una DVD handy-cams.
Dopo una piccola dimostrazione sul suo funzionamento le famiglie in visita hanno potuto registrare i propri momenti migliori allo zoo e portarsi a casa il DVD con il proprio filmato.
Sony dichiara che l’iniziativa è stata di gran successo. Circa il 95% dei visitatori che hanno aderito al programma di tryvertising sono rimasti molto impressionati dalla modalità di promozione e in molti casi sorpresi di poter utilizzare una telecamera nuova senza alcun costo.

IKEA ha chiuso un accordo con la catena di hotel Etap per equipaggiare 60 dei suoi alberghi in Germania con stanze e spazi comuni completamente arredati Ikea.


Sleep number Bed, una società che commercializza materassi personalizzabili in base alle preferenze dei consumatori, ha effettuato un’iniziativa simile a quella di IKEA con Etap. In tutti i Radisson resorts ed hotels degli Stati Uniti, Canada e Caraibi sono state rese disponibili camere con materassi Sleep number Bed personalizzabili secondo le proprie esigenze di comfort.

Kodak e la catena di hotel Hyatt hanno sviluppato un programma di testing delle nuove fotocamere EasyShare di Kodak, le prime fotocamere digitali con sistema wi-fi per l’invio delle foto.
Il programma è durato fino alla fine del 2005.
Gli ospiti degli hotel Hyatt coinvolti nel programma hanno potuto utilizzare una fotocamera EasyShare per 48 ore.
Ogni Hyatt Regency Club ha inoltre avuto a disposizione una stampante Kodak EasyShare Printer per stampare direttamente in hotel le foto scattate.
Inoltre tramite il collegamento wi-fi presente negli hotel i clienti hanno potuto, senza l’utilizzo di alcun computer, inviare le foto ad amici e familiari via email, massimizzando- grazie al passaparola- gli effetti dell’iniziativa.

                                                          Simone Lovati 
                                              Consulente di marketing strategico
                                                http://lovati.typepad.com/

 
 

Business Video