Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Micromarketing elettorale

Del: 19/01/2006

Dove sono gli elettori indecisi, da recuperare, da mantenere?
Chi sono e che caratteristiche socio-demografiche li caratterizzano? Come convincerli a votare per il proprio schieramento?
Attraverso un’efficace risposta a queste tre domande durante lo svolgimento della propria campagna elettorale, si possono massimizzare le probabilità di successo e contemporaneamente ottimizzarne i costi.



Un valido ed innovativo approccio per ottenere quest’obiettivo è sicuramente quello del Micro-Marketing elettorale, che mutua metodologie applicate con successo ormai da anni in svariati settori come la grande distribuzione, l’automotive, i beni di lusso, l’orologeria, il finanziario, la distribuzione petrolifera e che può fornire un significativo contributo anche nel campo elettorale.
Un esempio concreto lo abbiamo avuto nel corso delle ultime elezioni presidenziali svolte in USA.
Le tecniche di Micro-Marketing elettorale consentono in primo luogo di identificare il profilo degli elettori strategici per il proprio partito, cioè quelli da mantenere e recuperare sul territorio, grazie all’integrazione territoriale del comportamento elettorale passato con le caratteristiche socio demografiche e con gli stili di vita.
Si possono dunque mirare e differenziare i messaggi a livello micro-territoriale, sviluppando strategie di comunicazione che ottimizzano le performance delle campagne e creano importanti sinergie con la comunicazione mass market.

I pilastri distintivi del Micro-Marketing elettorale sono il data mining, l’analisi statistica integrata e il geo-marketing micronizzato dal punto di vista metodologico-analitico e innovativi applicativi web based dal punto di vista della gestione operativa della campagna elettorale.

I primi tre pilastri consentono di rispondere con scientificità alle domande:
Dove? identificando le zone a priorità di azione, per esempio le aree con maggior migrazione di voti e con maggior astensionismo.
Chi? evidenziando le caratteristiche socio-demografiche e di stili di vita a massima concentrazione nelle zone prioritarie
Come? attraverso l’integrazione di media e messaggi mirati, per esempio door to door non indirizzato, volantinaggio, direct marketing.

La possibilità di utilizzare uno strumento web-based per analizzare, gestire e monitorare i risultati della campagna diventa il quarto fondamentale pilastro.
Ciò è possibile attraverso la visualizzazione dei dati delle precedenti elezioni per singola sezione elettorale, attraverso l’individuazione di vie in sezioni target e delle caratteristiche socio-demografiche attribuibili al numero civico, il massimo livello di dettaglio oggi disponibile in Italia e attraverso l’estrazione mirata di anagrafiche profilate.

La possibilità di integrare i dati statistici con quelli in possesso di ogni singolo partito o canditato consente di elaborare delle profilazioni estremamente mirate e precise, che possono offrire chiavi di lettura importanti per organizzare al meglio contenuti, modalità e tecniche di pianificazione della campagna.


                                                                           Davide Consiglio
                                                     Consultant di Value Lab srl 
                                                  Davide.consiglio@valuelab.it


Guarda l’allegato con gli schemi esemplificativi!


Allegati:
Micromarketing elettorale

 
 

Business Video