Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Comunicare alle donne di oggi

Del: 06/02/2006

Impegnata, attenta al proprio corpo e al proprio benessere, divisa tra lavoro e famiglia, in corsa contro il tempo: la donna di oggi è sempre più complessa e difficile da raggiungere.
Lo sanno bene le aziende, che da tempo hanno avviato ricerche per comprenderne evoluzioni psicologiche e sociali.

Chiaro l’obiettivo: studiare nuove strategie di marketing, in grado di soddisfare le sue richieste e anticiparne i bisogni.

“ Mantenere la salute, vivere in una situazione di benessere economico, occuparsi della casa e dei figli sono le tre priorità della donna di oggi.- sostiene Rosanna Savoldelli, direttore di ricerca di Eurisko, che ha presentato uno studio sull’argomento durante il convegno Comunicare alla donna, organizzato da Somedia e la Repubblica- Una donna attenta a se stessa ma anche tesa verso la società, impegnata nell’affermazione della propria professionalità, ma sensibile all’etica degli acquisti”.

“Non si può più parlare di una sola responsabile acquisti- sottolinea Marcella Bergamini, media director Danone- negli ultimi sette anni, grazie all’aumento di donne single o di famiglie atipiche, si è avuta un’impennata del 5% di addetti alla spesa: l’idea di famiglia tradizionale sta venendo meno e con essa anche la disponibilità di reddito, mentre si innalza nelle donne il livello di istruzione e il tempo dedicato al lavoro”.

Se la figura monolitica della responsabile acquisti si sta sgretolando sotto il peso sempre più pressante di una società in corsa continua, dalle sue ceneri emergono cinque tipologie di donne, come sottolinea una ricerca svolta da Eurisko Sinottica per Danone, da quelle distaccate (16%), concentrate su tempo, convenienza e servizi, a quelle orgogliose, che vivono la famiglia come massima priorità, alte fruitrici di prodotti premium price (19%), da quelle attente, che si fidano delle marche, ma le scelgono in base ai prezzi alle essenziali, che utilizzano prodotti storici e vivono in faglie mono o bi nucleri, fino alle superficiali, con vita sociale attiva, che vivono le marche con estrema indifferenza.

“In questo contesto estremamente complesso, diventa difficile cogliere in momenti di esposizione dei vari target ai media, la tv non è più sufficiente. Il lavoro e il confronto sociale impongono informazione attraverso settimanali, radio, free press, tv satellitari- prosegue Bergamini- l’entertainment è diventato un driver di esposizione fondamentale e la multimedialità ha assunto un ruolo di primo piano nel conforto con le consumatrici di oggi. Le marche non possono ignorarlo”.

Gli studi lo confermano: secondo l’osservatorio B2C del Politecnico di Milano infatti l’ e commerce nel nostro Paese è cresciuto lo scorso anno del 42%, con un giro d’affari di 2.822 milioni di euro, coinvolgendo 8 milioni di italiani.
E una sorpresa, le donne sul web spendono più degli uomini e usano la rete con estremo pragmatismo- come sottolinea Elena Antognazza di PayPal- per acquistare viaggi, abbigliamento, prodotti tecnologici (un settore questo in continua ascesa presso il pubblico femminile).

 “Ascolto, studio delle sue evoluzioni, approccio con formule innovative: sono questi in sintesi i consigli per conquistare la donna di oggi-conclude Rosanna D’Antona, esperta di comunicazione- ma non scordare mai di parlarle al cuore, con creatività e coraggio, elementi principi per avvicinare una donna, nonostante i suoi nuovi ruoli e la sua evoluzione da “casalinga di Voghera” ad amministratore delegato della famiglia!”.

                                                               Rossella Ivone

 
 

Business Video