Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Il business plan

Del: 03/05/2006


In esclusiva per MyMarketing.Net, l’anteprima del dodicesimo capitolo del libro ’Il business plan’ di R. Stutely, ed. Pearson Education Italia nuova collana di management Financial Times Prentice - Hall.


Cosa cercano i lettori di un piano

Ammesso di conoscere coloro che riceveranno il piano, la prima sfida consiste nell’assicurarsi che venga letto. Ecco perché la presentazione e la sintesi devono essere buone. È assai improbabile che chiunque legga il piano dall’inizio alla fine tra il momento in cui lo riceve e quello in cui dovrà rincontrarvi, a prescindere dall’intervallo di tempo che separa i due eventi.

Piani interni

I piani destinati a essere utilizzati entro un’organizzazione ristretta riceveranno quasi sicuramente una certa attenzione, sebbene non verranno letti per intero.
Si può solo sperare che i lettori trattengano alcuni elementi del piano prima della riunione successiva del consiglio di amministrazione. Poiché non si desidera che dei lettori casuali possano trovare aspetti da evidenziare e criticare, è consigliabile riflettere su coloro che si siederanno attorno a quel bel tavolo lucido (si veda il riquadro che segue).

Beh, il piano non è stato ancora chiuso e già si parla della prima riunione?
Sì, perché è importante guardare il piano da ogni prospettiva. Naturalmente, quando verrà il momento si accetteranno appunti e il piano trarrà vantaggio dalle critiche costruttive, ma non si vuole sicuramente che il piano venga annientato da critiche indiscriminate.

Tenendo conto delle personalità dell’organizzazione, si rilegga il piano e si cerchi di individuare dove i disfattisti, i profittatori e chi esercita diritto di veto possano trovare argomenti a vostro carico.

Si valuti se è stata sottolineato per errore un punto debole o un’incertezza o se si sono fatte affermazioni che possano essere contraddette.
Se possibile, si discuta il piano con il proprio mentore per vedere se questi trova dei punti di debolezza e per avere un’indicazione su dove trovare un aiuto.

Alla fine potreste voler riscrivere queste parti, eliminare o difendere i punti di debolezza e sottolineare quelli di forza.
Se ci si trova a lottare in un’atmosfera difficile, non si permetta che il piano venga discusso troppo liberamente in anticipo sui tempi.

Le chiacchiere danno agli avversari il tempo di formulare strategie.
Non ci si scopra, o le idee migliore possono finire sulla scrivania del capo nel memo di qualcun altro due giorni prima della presentazione
del business plan.



Si ringrazia la casa editrice Pearson Education Italia per la gentile concessione.

Approfondisci negli allegati le regole per scrivere un business plan di succcesso e gli errori da evitare!


Allegati:
Il business plan- cap.12
Indice libro

 
 

Business Video