Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

The Long Tail

Del: 30/08/2006


Un Video Online spiega come cambia la distribuzione

La Teoria

Questo è quanto afferma Chris Anderson nel suo articolo intitolato The Long Tail dove sostiene che la costrizione fondamentale del nostro intrattenimento è sempre stata quella di essere legato al mondo fisico, subendone così tutte le costrizioni e limitazioni di spazio, tempo e materia stessa. Questo perché tutti i classici mezzi di comunicazione di massa, ci impongono determinati e ben specifici luoghi, spazi, tempi e orari per spendere il nostro intrattenimento.

La questione portante è che questa natura fisica dello spettacolo porta inevitabilmente ad una naturale scarsità di risorse: sia nell’ambito della realizzazione dei prodotti stessi, dati gli alti costi di produzione; sia nella distribuzione/diffusione dei testi mediatici, dai libri ai VHS, dai CD agli spettacoli cinematografici fino al palinsesto televisivo.

Il mercato mediatico che ne deriva soffre intrinsecamente di questa scarsità genetica: dati gli alti costi di produzione, pubblicazione e distribuzione nasce la forzata esigenza di dover scegliere a priori i prodotti mediatici che saranno commercializzati, penalizzando così quella grandissima fetta di mercato che non gode di un’altrettanto potente pubblicità e distribuzione. Da questa censura di carattere markettaro prende vita il mercato dell’intrattenimento così come lo conosciamo oggi: il mercato delle hits.

‘This is the world of scarcity. Now, with online distribution and retail, we are entering a world of abundance. And the differences are profound.’

La distribuzione online è il vero motore della nuova economia dell’intrattenimento.

Gli impedimenti, le costrizioni e le limitazioni fisiche finora sofferte dall’industria dello spettacolo hanno lasciato il posto ad un intrattenimento virtualmente globale. Il principio di Pareto dell’80-20 si è tramutato nel principio del 99%: ogni prodotto è insieme sia hit che miss, non vi è più alcuna differenza di tiratura, diffusione, disponibilità e catalogazione.

Oggigiorno possiamo avere accesso alla quasi totalità del materiale multimediale presente in Rete e non - appunto il 99%:

• Non esistono limiti fisici allo storaggio ( to store, immagazzinare ) dei prodotti;

• Non esistono limiti fisici alla diffusione ( previa considerazione della connessione alla Rete e della larghezza di banda utilizzata ) dei prodotti;

• Non esistono limiti fisici alla disponibilità dei prodotti.

Sono questi i fattori fondanti e portanti che alimentano e danno anima e vita all’attuale mondo dell’abbondanza.

Se fino a ieri - nel mondo della scarsità - siamo stati costretti a far fronte a problemi quali il reperimento, la disponibilità e l’accessibilità di fonti, materiali, beni, prodotti e servizi di qualsiasi genere e tipo, oggi - nell’attuale mondo dell’abbondanza - ci troviamo ad affrontare problemi se non del tutto opposti, comunque determinati da fattori contrari a quelli precedenti.

                                                Giancarlo Catucci
                                                             
di NinjaMarketing.it

 
Approfondisci nel file allegato!

 


Allegati:
The Long Tail

 
 

Business Video