Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Tod’s a Omotesando - Tokyo

Del: 22/09/2006

Tod’s è uno dei gruppi italiani che contribuisce alla positiva immagine del made in Italy all’estero, grazie alla consolidata competenza artigianale nella fabbricazione di scarpe e borse. Recentemente l’azienda ha aperto a Tokio un “flagship building”: un edificio di oltre 2.500 mq sviluppati su sette piani, di cui tre destinati alla vendita, tre agli uffici e l’ultimo – un grande open space – dedicato alla presentazione delle collezioni e agli eventi.
La scelta della location è stata Omotesando, un quartiere di Tokyo che negli ultimi anni si è notevolmente trasformato, arricchendosi con la presenza di aree di vendita innovative e prestigiose. È qui che negli ultimi anni hanno aperto nuovi spazi molte griffe della moda, spesso italiane. Pur in un quartiere così trendy e ricco di luoghi “da vedere”, il flagship Tod’s è già diventato una tappa molto frequentata non solo per lo shopping, quanto anche per la ricchezza del progetto sviluppato da Toyo Ito. L’architetto giapponese, di fama internazionale, lavorando in modo sinergico sia sull’architettura che sugli interni, è riuscito a creare una felice simbiosi fra l’essenza italiana della marca e i linguaggi tipici della cultura nipponica.
La particolare struttura del palazzo richiama quella degli olmi che fiancheggiano la lunga strada in cui è situato: un “palazzo-albero” che esprime già dall’esterno i valori del brand Tod’s, ovvero naturalità (i materiali dei prodotti), artigianalità (le finiture) e innovazione (la ricerca).
Il carattere artigianale del prodotto viene rinforzato nel negozio dall’esposizione di strumenti tradizionali usati per la lavorazione delle scarpe e da servizi di personalizzazione tipici delle lavorazioni in laboratorio. La cliente infatti può ordinare una borsa scegliendo fra tre tipi di pelle (coccodrillo, struzzo, pitone), sei colori, tre modelli e tre misure – con la possibilità di fare realizzare anche le scarpe coordinate. I book con i campioni di pelle rendono più sensoriale e interattiva la scelta e, per quanto i tempi di attesa siano piuttosto lunghi (da tre a quattro mesi), il cliente è ripagato dalla garanzia di una manifattura totalmente italiana e di alta qualità. In qualche modo la caratterizzazione artigianale, che valorizza come pregio alcune piccole “irregolarità” del prodotto, è rispecchiata nella struttura architettonica: le “ramificazioni” creano degli “spazi finestra” irregolari e tutti diversi.

L’originalità della costruzione rispecchia l’originalità del prodotto in vendita.
Nell’arredo gli espositori geometrici di Toyo Ito si integrano con i divani rossi, sinuosi e raffinati progettati da Zaha Adid (poliedrica architetto anglo-irachena); c’è un’estrema cura nei dettagli, dall’esposizione dei prodotti e degli accessori ai materiali.
E’ infine interessante l’integrazione fra spazio di vendita, uffici e area eventi che da un lato avvicina di più alla realtà del negozio anche le figure aziendali meno coinvolte nella vendita; dall’altro coinvolge il cliente nella vita e nelle attività aziendali, favorendo la fidelizzazione e la costruzione di relazioni durature.

Dati chiave
· Format: Flagship building
· Superficie totale: 2.550 mq (vendita, spazio eventi, uffici)
· Superficie di vendita: 600 mq su 3 piani
· Fatturato del Gruppo: 420,8 mln € (2004)
· Negozi nel mondo: 137

Chiavi di innovazione
· Impatto visionario del “palazzo-albero”
· Flagship building: integrazione vendita-eventi-uffici in un unico edificio
· Traduzione coerente e creativa dei valori di marca nell’identità spaziale
· Integrazione feconda fra le culture e i linguaggi della marca (italiana) e del mercato (giapponese)
· Possibilità di realizzazione di prodotti personalizzati

                                                       Fabrizio Valente 
                                                                     Partner Kiki Lab

 

 
 

Business Video