Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

‘If the medium is the message, the user is the content’

Del: 10/11/2006


Protagonista dello IAB Forum 2006 (Interactive Advertising Bureau Italia) è stato Internet, nelle sue mille sfaccettature. Gli investimenti pubblicitari online, in Italia, a fini di entertainment, business e servizi, sono aumentati del 50% in un anno; la comunicazione interattiva assume un ruolo centrale nel marketing mix aziendale, quindi i linguaggi ed i consumatori si trasformano.
Derrick de Kerckhove (Director Mc Luhan Program in Culture & Technology e Professore all’Università di Toronto) ha parlato di Hypertinence, il mondo di ricerca in cui siamo coinvolti quando selezioniamo in maniera mirata i contenuti, stabilendo un legame tra la nostra mente ed i motori di ricerca; un altro tema affrontato è stato il passaggio dal testo all’ipertesto e dai vecchi ai nuovi format pubblicitari, distinti rispettivamente in ‘down’ (banner, popup, etc…) ed ‘up’ (rich media, advergames, viral advertising, eWOM electronic). In pratica, ‘Se il medium è il messaggio, l’utente è il contenuto’ (‘If the medium is the message, the user is the content’).
La centralità dei contenuti è stata ribadita anche da Enrico Gasperini (Presidente Consulta Digitale Assocomunicazione) che ha ribadito la frammentazione del media e la perdita di importanza del concetto di canale; quindi, la nascita di una nuova filiera di contenuti verso il canale stesso.
Quali le nuove sfide per i marketers? Comprendere quali siano le migliori strategie di comunicazione sui nuovi media, cogliendone tutti i vantaggi, ed attuando un nuovo media mix (internet, product placement, social network e online gaming) in cui la qualità e l’originalità dei contenuti è fondamentale per il successo del mezzo, soprattutto per i target più evoluti.

Quali i trend dell’online advertising italiano? Innanzitutto l’importanza dei motori di ricerca nelle campagne di comunicazione digitale, al pari di quella dei supporti mobili come ponte di congiunzione fra telecomunicazioni ed internet. Si rende necessaria una visione multimediale ed integrata dei canali di comunicazione, per comprendere la rete ed il suo significato economico e sociale. “La pubblicità su Internet non è solo uno strumento per promuovere grandi aziende, ma è sempre più un mezzo innovativo per fare marketing efficace ed a costi sostenibili – sostiene Massimo Martini (General Manager Yahoo!) – anche per le piccole e medie aziende che su Internet possono trovare sbocchi e canali distributivi alternativi”.

Nonostante il consumatore italiano sia consapevole delle trasformazioni in atto, persiste un gap tra le competenze delle imprese europee ed italiane, che lo IAB si propone di colmare attraverso la condivisione di esperienze e pareri delle personalità di riferimento del settore. Riuscirà nel suo intento? Lo scopriremo nei prossimi mesi…

Per visualizzare video dell’evento, clicca qui!

                                                         Deborah Baldasarre

 

 

 

 
 

Business Video