Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Creative Net Cities

Del: 17/11/2006

Creatività e innovazione alla base dello sviluppo urbano

Le città contemporanee stanno divenendo città-brand; possiedono un’immediata riconoscibilità che gli consente di emergere e contraddistinguersi nell’era della globalizzazione. L’identità di città-marchio è “Frutto, come nel caso di Torino” sostiene Ugo Volli, Professore ordinario di Semiotica del testo all’Università di Torino, “di un’analisi e di una programmazione più che decennale e lungimirante, che non dipendono dall’orientamento politico, ma dalla propria essenza; Torino è una città che (essendo monarchica) si è abituata ad essere guidata, ma che è poi capace di proseguire nella direzione e di fare sistema. L’eccellenza di una città non è costituita tanto dalle attrattive che possiede, ma dalla capacità di fare marketing di territorio in modo coerente e concreto. Una città come Torino è molto più attenta al fatto che deve essere il territorio a fare comunicazione, non solo organizzando campagne, ma anche eventi, con un’attenta programmazione e un pensiero strategico a lungo termine”.

 Il brand applicabile alle città

Lo psicologo Paolo Legrenzi in “Creatività e innovazione: come nascono le nuove idee” tratta della larga diffusione dei marchi, termini facilmente applicabili alle città, a discapito dei brevetti, definendo l’innovazione tramite la proliferazione dei marchi un fenomeno recente. Sostiene Legrenzi: “I marchi categorizzano e fissano l’innovazione materiale, perché non sono altro che il nome che promettono. Quanto più tale nome è conosciuto, tanto maggiore è la responsabilità di una promessa in termini di credibilità e affidabilità. Un marchio si pone come garanzia di benessere, soddisfazioni ed emozioni”. I marchi generano innovazione; continua lo psicologo: “L’innovazione si è svincolata dalla materia per diventare pura comunicazione. Non è necessario inventare nuove funzionalità sostanziali, ma è sufficiente valorizzare nuove forme di vita, nuovi bisogni, in modo che un nuovo prodotto cambi i modi di vita di milioni di persone sia che ne fruiscono, sia che lo forniscono”. Il marchio, secondo Legrenzi, è “insieme garanzia e promessa di creatività, che una civiltà tecnologica sempre più complessa diffonde e veicola in reti di comunicazione. Nel contempo si è costretti a semplificare la comunicazione dei pocessi innovativi introducendo sempre più marchi, per comunicare in modo semplice ai potenziali fruitori”. Il marchio diviene motore di creatività e innovazione nel mondo tecnologico e le città-marchio rappresentano la maggiore potenzialità per un sicuro sviluppo nell’era tecnologica e globalizzata.

Per visualizzare il video della tavola rotonda,clicca qui!

Leggi l’intero articolo in allegato

 


Allegati:
Creative Net Cities

 
 

Business Video