Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Ansia da…prestazione Natale!

Del: 12/12/2006

Avete finito la corsa ai regali?
Avete deciso dove trascorrere la Vigilia, il Natale, Santo Stefano, Capodanno e l’Epifania?
Avete programmato con chi passare questi lieti momenti?…Parenti o amici? Le donne hanno già in mente cosa indossare in queste occasioni?
Gli uomini hanno pensato cosa scrivere sul bigliettino d’auguri della propria compagna? E soprattutto...hanno comprato il bigliettino?!
Se più di una risposta a queste domande è negativa, siamo spiacenti, ma rientrate in quella larga fetta di italiani ai quali il periodo natalizio provoca un forte, fastidioso e ingestibile stress.

Niente paura, ci confermiamo comunque un popolo di inguaribili “sentimentali”. Secondo una ricerca commissionata da Axa in 16 Paesi del Mondo, il 75% degli italiani in età lavorativa e il 69% dei pensionati ritiene che questo periodo sia ricco di felicità, mentre per 67 lavoratori su 100 (e 65 pensionati su 100) è tempo di euforia.
Seguiamo, non stentiamo a crederci, il popolo statunitense, in vetta alle classifiche per quanto concerne euforia e allegria nella attesa delle feste. Anche il 45% degli americani, infatti, risente della stanchezza natalizia, ma questo non incide sul loro buonumore, a stelle e a strisce.
A nulla serve l’idea di un buon pranzo in famiglia ai portoghesi, i più affaticati dall’arrivo di Babbo Natale: quasi un abitante su due si ritiene infatti stressato.

Se lo stress si risolve con un po’ di relax, più difficile da trovare è la soluzione per chi in questo periodo si sente solo.
E’ un dato allarmante che ben il 14% dei lavoratori italiani, così come il 22% dei pensionati, sperimenta a Natale un sentimento di solitudine. La penisola Iberica è il luogo al mondo dove questo senso di abbandono è più forte: lo vive il 20% dei lavoratori spagnoli (il 31% dei pensionati), così come il 19% dei lavoratori portoghesi (il 35% dei pensionati). Per un italiano su cinque, infine, il Natale non dice nulla. Un’indifferenza al clima di luci e feste che riguarda anche il 21% dei pensionati.
Una curiosità: i lavoratori cinesi, col 18% di indifferenti, sembrano essere più sensibili al Natale rispetto agli abitanti del Bel Paese.

                                                                              Serena Poerio

 
 

Business Video